Home Eco Lifestyle Nuovi fondi dall’Europa per il turismo responsabile e sostenibile

Nuovi fondi dall’Europa per il turismo responsabile e sostenibile

città: Milano - pubblicato il:
turismo responsabile e sostenibile

Il turismo responsabile e sostenibile è oggi l’unica strada percorribile per salvaguardare il Pianeta e migliorare le prospettive economiche e sociali di molti Paesi

Il turismo è una delle attività economiche più importanti per l’Unione Europea, dato il suo forte impatto sulla crescita, sullo sviluppo sociale e sul lavoro.

Oggi si trova a fronteggiare una serie di sfide che l’Europa intende indirizzare al meglio con politiche adeguate per combattere la crisi economica e la disoccupazione.

Da un recente studio condotto dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO), il turismo incide per il 10% sul PIL del mondo e sul 7% del commercio globale, dando lavoro a una persona su dieci.

L’Unione Europea è convinta che il turismo responsabile e sostenibile sia, a oggi, l’unica strada percorribile per salvaguardare il Pianeta e migliorare le prospettive economiche e sociali e sta investendo molto in questo settore.

È in quest’ottica che la Commissione Europea, grazie al programma COSME, promuove la crescita nel settore del turismo responsabile e sostenibile.

Il bando 2019 Promuovere lo sviluppo del turismo sostenibile e la capacità delle PMI del turismo attraverso la cooperazione transnazionale e il trasferimento di conoscenze, in scadenza il prossimo 24 ottobre, sostiene la cooperazione internazionale e il trasferimento di conoscenze e conta su una dotazione finanziaria di 5 milioni di euro e di un possibile cofinanziamento europeo fino a 1 milione di euro per progetto, nel limite del 75% dei costi ammessi.

Le domande devono essere presentate da un consorzio composto da un minimo di 5 e un massimo di 10 partner, provenienti da 5 differenti Paesi e possono partecipare le micro, piccole e medie imprese, gli enti pubblici e privati, le ONG, gli istituti di istruzione e di formazione, comprese le università, i centri di ricerca del settore del turismo e del sostegno alle imprese), le camere di commercio, le organizzazioni internazionali.

In particolare, i progetti presentati dai consorzi dovranno riguardare il trasferimento di competenze e conoscenze, attraverso attività di cooperazione fra aziende; il supporto tecnico per l’incubazione, l’accelerazione e l’ampliamento delle PMI del settore turistico; il sostegno finanziario diretto alle PMI selezionate per il capacity building nel turismo responsabile e sostenibile.

Per maggiori informazioni consultare il sito della Commissione Europea.

Condividi: