Home Green Jobs C-Voucher, servizi di mentoring per chi fa economia circolare

C-Voucher, servizi di mentoring per chi fa economia circolare

città: Milano - pubblicato il:
progetto c-voucher

A conferma del grande interesse a livello europeo in tema di economia circolare, l’Unione Europea lancia un invito a presentare proposte nell’ambito del progetto Innosup C-Voucher che offre specifici servizi di mentoring dedicati, per le imprese che presenteranno dei piani di fattibilità su eco-design e ricerca di finanziamenti con l’aiuto di esperti, per avere sbocchi di business nel settore dell’economia circolare.

Le imprese potranno ricevere fino a 15.000 euro partecipando alla Open call for adopters, che scade il prossimo 31 ottobre 2019.

Le imprese selezionate, otterranno quindi un supporto economico per affrontare questo passaggio verso la circolarità ed entreranno a far parte del C-Voucher, un progetto europeo che rientra nell’ambito del programma di replicazione del valore della circolarità, finanziato nell’ambito del programma europeo di ricerca e innovazione tecnologica Horizon 2020, che mira a creare le catene di valore, legate all’economia circolare nelle industrie tradizionali.

Con il progetto C-Voucher, l’Europa intende selezionare diciotto piccole e medie imprese europee che svilupperanno i loro progetti all’interno di aree specifiche, per realizzare concretamente la transizione dall’economia lineare a quella circolare, affrontando le dovute sfide e il cui approccio potrà offrire alle aziende una leva importante dal punto di vista della concorrenza e nuove prospettive di business rispetto sia ai prodotti sia ai servizi.

Due gli assi prioritari dell’iniziativa: un programma circolare di accelerazione della durata di 9 mesi a beneficio di piccole e medie imprese, che si prefigge l’elaborazione di nuove soluzioni circolari con il supporto di designer di alto livello e di esperti e un programma di replicazione del valore della circolarità, della durata di 3 mesi, che finanzierà le piccole e medie imprese nella realizzazione di piani circolari di fattibilità.

I settori interessati dal bando sono i seguenti:

  • manifatturiero (difficoltà nel riciclaggio di materiali misti; accesso alle bio-plastiche adatto per la produzione; mancanza di soluzioni per lo smaltimento e la selezione di prodotti; bassa qualità di materiali riciclati)
  • tessile (problemi con i processi di selezione dei materiali in tessuto; mancanza di soluzioni tecnologiche automatizzate; difficoltà nella stima della qualità dei tessuti usati raccolti; accesso ai materiali (tessuti); mancanza di soluzioni di riciclaggio per i tessuti)
  • crescita blu (mancanza di alternative alle batterie utilizzate per l’accumulo di energia nelle boe; elevato utilizzo di plastica nella produzione di boe; elevato impatto ambientale dell’industria marittima)
  • agroalimentare (problemi con la conservazione e la manutenzione dei bio-prodotti; soluzioni insufficienti per la decomposizione dei rifiuti; alti livelli di rifiuti di alghe nella produzione nelle zone costiere europee)
  • salute (mancanza di metodi di manipolazione adeguati per prodotti farmaceutici inutilizzati, come l’imballaggio danneggiato; difficoltà nel riciclaggio dei rifiuti sanitari)

Le imprese che si candidano possono trarre ispirazione per nuove idee di progetto prendendo visione degli attuali partecipanti al programma C-Voucher (tutte le informazioni sono disponibili online)o adottando uno dei modelli di business circolari di interesse del progetto:

  • simbiosi industriale
  • efficienza delle risorse materiali
  • fonti energetiche rinnovabili ed efficienza energetica
  • prodotti biologici
  • estensione del ciclo di vita del prodotto
  • economia delle prestazioni
  • condividere l’economia
  • economia della piattaforma
Condividi: