Home Green Jobs Innovazione tecnologica contro il clima che cambia: al via il Climathon 2019

Innovazione tecnologica contro il clima che cambia: al via il Climathon 2019

città: MIlano - pubblicato il:
climathon 2019

Venerdì 25 ottobre, in 13 città italiane, si svolgerà Climathon 2019, l’hackathon mondiale per trovare idee e soluzioni innovative in grado di contrastare i cambiamenti climatici

Via al Climathon 2019 che anche quest’anno, come consuetudine, si svolgerà per 24 ore consecutive. Giunto alla sua quinta edizione, il Climathon 2019 coinvolgerà 13 città italiane, protagoniste di programmi arditi e ambiziosi proposti ai propri cittadini.

A partire da Milano, che sta investendo tanto sulle varie declinazioni della mobilità (soft, sostenibile, integrata); qui, grazie a Fondazione Cariplo, Comune di Milano e Amat, si cercano soluzioni innovative per trasformare il capoluogo lombardo in una walkable city mettendo in palio 60mila euro totali, suddivisi in tre percorsi di empowerment imprenditoriali del valore di 20mila euro l’uno nell’incubatore Cariplo Factory.

Poi Venezia, grazie al CMCC e all’Università Internazionale, punta a migliorare il trasporto di cose e persone nel fragile ecosistema lagunare. Torino lancia invece la sfida per una realizzare una città circolare, puntando sull’innovazione nei settori industriali come food, automotive, elettronica, tessile, imballaggi e plastiche.

Le città protagoniste di Climathon 2019

Impatto zero del turismo e sostenibilità turistica sono temi che coinvolgono le altre località che partecipano all’iniziativa promossa da EIT Climate-KIC, community europea di aziende, enti locali, istituti di ricerca, università e associazioni che promuove l’innovazione tecnologica e di processo contro il clima che cambia.

Courmayeur punta alla definizione del giusto equilibro tra il sistema montano alpino e l’economia locale, considerando il possibile aumento della temperatura e l’impatto non sempre positivo dei flussi di viaggiatori; Matera, Capitale europea della Cultura 2019, è alle prese con scarse infrastrutture turistiche e logistiche.

Rovereto e Cava de’ Tirreni virano sul tecnologico e portano all’attenzione dei cittadini il problema dello smaltimento e del recupero dei RAEE, i rifiuti elettrici ed elettronici.

A Gaiba, piccola cittadina della provincia di Rovigo adagiata nella Valle del Po, il sindaco Nicola Zanca invita i cittadini a partecipare al Climathon 2019 per capire come utilizzare gli alberi per mitigare l’effetto di eventi climatici estremi.

Carpi declina il tema della resilienza dal punto di vista dell’efficienza energetica e dell’educazione ambientale. In Sardegna, sia Sassari che Cagliari cercano soluzioni per preservare il territorio e la biodiversità soprattutto nelle Zone Umide.

Mantova lancia una delle sfide più intense, ovvero stimolare i cittadini ad assumere comportamenti virtuosi in grado di combattere i cambiamenti climatici. Infine, in Sicilia, Palermo mette sotto i riflettori l’inquinamento e le emissioni di CO2 nel tentativo di trasformare la città in un sink biosferico – un deposito di accumulo naturale in grado di catturare l’anidride carbonica.

Climathon 2019 si svolge in oltre 110 città nel mondo, durante le quali si alternano momenti di brainstorming, di progettazione vera e propria, di formazione e nel corso delle quali si elaborano idee e soluzioni utili a risolvere una o più sfide urbane. Lo scorso anno l’iniziativa ha coinvolto oltre 5.000 cittadini che hanno elaborato più di 400 soluzioni per rispondere agli effetti del cambiamento climatico.

Condividi: