Home Smart City Sviluppo sostenibile del territorio: cittadini chiamati a dire la loro

Sviluppo sostenibile del territorio: cittadini chiamati a dire la loro

città: Milano - pubblicato il:
sviluppo sostenibile del territorio

La Regione Lombardia chiama a raccolta cittadini, pubbliche amministrazioni e stakeholder del territorio per definire insieme percorsi condivisi per lo sviluppo sostenibile del territorio, che tenga conto delle componenti ambientali, economiche e sociali

Dite la vostra, suggerite le vostre idee sullo sviluppo sostenibile del territorio. Questo è proprio il momento giusto perché Regione Lombardia ha lanciato una consultazione pubblica che chiama a raccolta tutti noi cittadini per definire insieme percorsi condivisi per uno sviluppo sostenibile del territorio, che tenga conto delle componenti ambientali, economiche e sociali.

Per partecipare sono necessari circa 15 minuti, compilando il form disponibile online (azione che iscriverà il cittadino alla Piattaforma Open Innovation di Regione Lombarda).

L’Italia ha aderito nel 2015 alla nuova Agenda delle Nazioni Unite Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e ha approvato nel 2017 la Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile come principale strumento di coordinamento dell’attuazione dell’Agenda 2030 in Italia.

La strategia intende rafforzare le capacità di collaborazione e interazione necessarie per integrare gli obiettivi di sostenibilità nelle politiche territoriali e di settore. Definire un nuovo modello di crescita è un obiettivo strategico che coinvolge tanto il livello nazionale quanto quello regionale.

Il 18 settembre ha preso il via da Palazzo Pirelli la nuova sfida di Regione Lombardia, lanciata con la firma del Protocollo per lo Sviluppo Sostenibile: l’ambizione è quella di fare del territorio lombardo, già motore economico del Paese, una locomotiva sostenibile in grado di trainare la transizione nazionale verso nuovi modelli di sviluppo.

Questa consultazione pubblica vuole contribuire a dare uno sguardo a lungo termine, per portare avanti azioni mirate, condivise e, soprattutto, costruite a partire dai bisogni delle persone e dalle specificità del territorio.

Il questionario proposto approfondisce, all’interno del tema dello sviluppo sostenibile, gli ambiti prioritari dell’economia circolare e della bioeconomia. La consultazione pubblica rimarrà aperta fino all’11 novembre.

Condividi: