Home Eco Lifestyle Nei luoghi di studio si diffonde l’attenzione all’ambiente

Nei luoghi di studio si diffonde l’attenzione all’ambiente

città: Milano - pubblicato il:

Le sedi di formazione diventano green. Soluzioni concrete e messaggi importanti per gli studenti, che possono vivere in prima persona, anche nel luogo di studio, il cambiamento attraverso buone pratiche sostenibili.

In Lombardia, la prima università che ha aderito al progetto RiVending è Naba, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. Si tratta di un progetto di economia circolare specifico per il vending, voluto da Confida – Associazione Italiana Distribuzione Automatica, Corepla e Unionplast – Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche (Federazione Gomma Plastica).

RiVending è un ciclo virtuoso di recupero e riciclo di bicchieri e palette in plastica per distributori automatici. Dal mese di novembre nelle sedi di Naba di Milano e Roma accanto ai distributori di bevande calde sono stati posizionati contenitori speciali – 13 nella sede di Milano e 2 in quella di Roma – per la raccolta differenziata di bicchieri, palette e imballaggi in plastica che potranno così essere recuperati con facilità in modo omogeneo.

E i volumi di materiale da recuperare non sono da poco come spiega Donato Medici, Managing Director di Naba: “Siamo molto orgogliosi che Naba sia la prima realtà universitaria nella regione Lombardia ad aderire a questo importante progetto di economia circolare a cui daremo un contributo rilevante considerando che nella sola sede milanese si consuma una media di circa 20.000 bevande calde al mese, quando l’attività didattica è a pieno regime. Inoltre, RiVending si colloca nella più ampia strategia di sviluppo sostenibile avviata da Naba, anche nell’ambito dell’attività didattica, con la volontà di una sempre maggiore sensibilizzazione sul tema del rispetto dell’ambiente e responsabilizzazione nei confronti delle generazioni future“.

A inizio d’anno inoltre Naba ha distribuito gratuitamente 5.000 borracce in alluminio brandizzate a studenti, dipendenti e docenti collocando anche 13 erogatori d’acqua filtrata a Milano e 2 a Roma.

Inoltre da quest’anno è partito un progetto che consente un risparmio energetico del 60% rispetto all’anno scorso grazie alla sostituzione delle lampade alogene e fluorescenti presenti nelle aule e negli uffici con led in entrambe le sedi.

Condividi: