Home Green Jobs Mobilità e infrastrutture green finanziate dalla Ricerca Europea

Mobilità e infrastrutture green finanziate dalla Ricerca Europea

città: Milano - pubblicato il:
green vehicles - bando europeo

Building a low-carbon, climate resilient future: Green Vehicles, interessante bando europeo, nell’ambito Horizon 2020, dedicato alla mobilità sostenibile

I cambiamenti climatici hanno impatti specifici e gravi sulle città e le tradizionali infrastrutture non sono più sufficienti. Per creare città resilienti, occorre fare della Green Infrastructure una priorità strategica europea.

E proprio dall’Europa arrivano più di 50 milioni di euro a disposizione delle università e degli istituti di ricerca, degli enti pubblici nazionali, regionali e locali e delle imprese italiane ed europee che candidano un progetto di ricerca innovativa per il bando Building a low-carbon, climate resilient future: Green Vehicles di Horizon 2020, aperto fino al 21 aprile 2020.

La mobilità è il motore dell’occupazione, della crescita economica, della prosperità e del commercio globale, ma i sistemi di trasporto e la modalità con la quale vengono utilizzati hanno bisogno di un restyling a favore della sostenibilità ambientale.

Il bando Building a low-carbon, climate resilient future: Green Vehicles intende finanziare la progettazione, in particolare lo sviluppo di attrezzature, materiali, infrastrutture e servizi dei mezzi di trasporto affinché siano più puliti e più silenziosi, per minimizzare l’impatto ambientale e climatico dei sistemi di trasporto e la mobilità nelle aree urbane.

L’Europa punta e investe nella ricerca e nell’innovazione per migliorare quindi l’assetto attuale del trasporto urbano, ma portando avanti politiche urbane mirate all’abbattimento delle emissioni, garantendo anche una revisione di tutti quegli aspetti insiti nell’ambito della mobilità sostenibile, dalla resilienza al cambiamento climatico, alla questione energetica, al cambiamento della struttura sociale, puntando su almeno tre componenti:

  1. la qualità, intesa come gamma di beni e servizi offerti dall’ambiente urbano per il benessere e l’equità sociale
  2. i flussi di materia, energia e informazione che alimentano il sistema urbano
  3. l’assetto strutturale della rete urbana.

A tali componenti va però aggiunta la condizione che, il consumo di risorse complessivo sia minimizzato, basandosi su risorse rinnovabili, pur aumentando la competitività delle industrie dei trasporti ma stabilendo un sistema dei trasporti italiano ed europeo che sia efficiente in termini di utilizzo delle risorse, rispettoso dell’ambiente e del clima, omogeneo e sicuro a beneficio di tutti i cittadini, dell’economia e della società.

Il contenuto del bando Building a low-carbon, climate resilient future: Green Vehicles

Un ulteriore obiettivo del bando Building a low-carbon, climate resilient future: Green Vehicles è permettere una mobilità più sicura, più fluida e decongestionata e contemporaneamente, incrementare la circolazione delle persone anche attraverso il noleggio (sharing) dei veicoli e sviluppando nuove modalità di logistica di sharing riducendo così i rischi di incidenti automobilistici.

I candidati, enti pubblici, Università, imprese italiane ed europee, lavorando in partnership di livello internazionale, dovranno quindi proporre alla Commissione Europea dei progetti che puntano a ottenere le seguenti innovazioni.

Realizzazione di materiali leggeri avanzati e loro processi di produzione per applicazioni automobilistiche

In questo ambito verranno finanziate azioni rientranti nei seguenti ambiti:

  • materiali leggeri e design (applicazioni automobilistiche, metodi e strumenti di fabbricazione e assemblaggio dei materiali)
  • approccio craddle-to-craddle (implementazione di metodologie per l’adozione dell’economia circolare e dell’eco-design, e di tecniche avanzate per migliorare le capacità del design leggero)

Riduzione dell’impatto ambientale dei veicoli ibridi leggeri

Per questo secondo topic, le proposte progettuali dovranno concentrarsi su delle aree tecniche:

  • generatori di energia nelle applicazioni elettriche ibride per minimizzare l’impatto ambientale totale
  • valutazione e ottimizzazione delle tecnologie ibride
  • gestione olistica e ottimizzazione delle funzioni termali dei veicoli sia nelle operazioni con utilizzo di batteria che nelle operazioni che utilizzano il motore (gestione termica della batteria, funzioni di conforto e sicurezza del passeggero)

Progettazione di veicoli elettrici di nuova generazione per uso urbano e suburbano

Le proposte progettuali dovranno riguardare una delle seguenti aree tematiche:

  • illuminazione urbana dei veicoli personali. Progettazione di micro-veicoli monoposto per utilizzo urbano, ideali per la decongestione del traffico, e per facilitare il parcheggio e il trasporto (facilità di trasporto su bus, tram o treni)
  • illuminazione e veicoli flessibili (individuali o multiposto) sia per uso personale che condiviso (car sharing) con l’introduzione di standard di sicurezza elevati per i passeggeri e i pedoni e di elementi di automatizzazione del veicolo
  • veicoli ridimensionati per uso commerciale adatti in particolare per l’utilizzo urbano

Istituire una strategia europea comune di ricerca e innovazione per il futuro del trasporto su strada

Per questo ultimo topic, le proposte progettuali dovranno focalizzarsi su:

  • aggiornare le priorità della ricerca sviluppate dalla European Technology Platform (European Road Transport Research Advisory Council – Ertrac) e supportare la definizione di nuove priorità di ricerca
  • facilitare la collaborazione tra città in Europa, Asia, America Latina e Africa. Supportare attivamente lo scambio di politiche e conoscenze e stabilire uno scambio peer-to-peer e un programma di capacity building. Facilitare la cooperazione tra progetti di mobilità urbana europei e internazionali
  • creare dei collegamenti con istituzioni finanziarie internazionali per facilitare e supportare la Commissione europea nella discussione internazionale e specializzata in merito alla mobilità elettrica urbana

Per partecipare al bando si consiglia di consultare il sito online dedicato.

Condividi: