Home Pets Emù a passeggio tra le strade di Lubjana… ma a Venezia no!

Emù a passeggio tra le strade di Lubjana… ma a Venezia no!

pubblicato il:

Bizzarra passeggiata di fine anno per due emù, tra i turisti incuriositi di Lubjana; la performance, ripetuta qualche giorno dopo a Venezia, è stata però meno apprezzata

A Lubjana i due emù giravano per le strade del centro con estrema eleganza. Senza guinzaglio, a proprio agio (almeno così in effetti sembrava) accanto ai due padroni: un uomo e una donna che li portavano a spasso come se fossero due animali domestici.

Una zampetta (solo questa era di circa un metro, tanto che alla fine l’emù era un po’ più alto dei loro due amici umani) avanti all’altra. Sguardo curioso da turista per caso: perché un emù, uccello non volatore, è a suo agio in Australia, non nella fredda Slovenia.

La domanda sorta spontanea è quindi stata: un emù sta bene al freddo? E, soprattutto, gli fa piacere camminare per il centro storico di una città come Lubjana, piena zeppa di turisti in queste feste natalizie?

E come avranno reagito ai botti? Gli emù sono uccelli appartenenti all’ordine degli Struthioniformes e non sono volatori. Sono però forti corridori, tanto da riuscire a raggiungere i 50 km/h di velocità.

Il lento passo che il video mostra è quindi simbolo di un forte ammaestramento. Da circo.

Ma Lubjana è stata solo una delle tante tappe dei due emù incontrati a passeggio. Gli amici umani che lavorano in un circo hanno deciso di fargli prendere anche il treno (erano liberi in carrozza) e arrivare fino a Venezia. Dove li hanno multati.

Come si legge sul Corriere.it: “la Polizia municipale, dopo essere stata allertata da decine di telefonate di residenti che chiedevano conto degli ospiti pennuti incrociati per strada, ha multato i due proprietari per intralcio alla circolazione e violazione del regolamento di igiene degli animali. Alle due persone, di origine slovena e appartenenti a un circo che in questi giorni si trova a San Donà di Piave, è stato applicato anche il daspo urbano. Accertamenti sono in corso da parte di Trenitalia per capire le modalità di trasporto degli uccelli in treno da San Donà di Piave a Venezia e ritorno“.

Condividi: