Home Imprese Sostenibili AAA cercasi startup di clean tech da ospitare in Step

AAA cercasi startup di clean tech da ospitare in Step

pubblicato il: - ultima modifica: 10 Gennaio 2020
step - startup - regas

Lavori in corso per riqualificare l’ex area industriale Snam a Treviglio: qui sorgerà Step, l’Innovation Hub voluto da Regas. Ce ne parla il Ceo Franco Jamoletti

Un nuovo distretto clean tech si appresta a prendere vita alle porte di Milano. Si tratta di un Innovation Hub rivolto alle startup che hanno come obiettivo la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra nell’atmosfera. Il suo nome è Step e si prevede l’inaugurazione per giugno 2020.

Siamo, quindi, nella fase dei lavori in corso in quello che era un sito della Snam a Treviglio (già in provincia di Bergamo).

Molta riqualificazione e una particolare attenzione anche all’architettura paesaggistica affidata a Laura Gatti che sta ideando l’area verde di oltre 15.000 metri quadri seguendo una precisa idea di progettazione a partire dalla depavimentazione: “L’area attualmente ha un piazzale per parcheggio che occupa il 50 per cento dello spazio esterno” racconta l’agronoma paesaggista nota anche per aver curato il verde del Bosco Verticale di MilanoQuesto sarà rimosso per diventare il giardino delle startup. Uno spazio verde progettato a onde per creare ambienti diversificati dove gli startuppari possono aggregarsi o stare da soli se preferiscono, fare esperimenti pratici e anche giocare“.

Nel bosco esistente” continua la Gattisi crea un percorso molto soft con materiale di recupero, con strutture per equilibrio, percorso sensoriale da fare (volendo) a piedi nudi e spazi per riunioni dove le sedie sono delle altalene“.

La sostenibilità del progetto prevede anche la cura di altri elementi. “Tutto il ciclo dell’acqua” riprende la paesaggista “sarà sotto controllo, quindi riduzione dei consumi per irrigazione e vegetated swales tra le onde per favorire l’infiltrazione delle piovane“.

Ottimi presupposti per un’area che per molto tempo è stata degradata. Qui si trasferirà anche Regas, azienda attiva da vent’anni nel mondo dell’energia. È al suo fondatore e Ceo, Franco Jamoletti che è venuta l’idea di fornire una serie di servizi a quelle che poi un giorno potrebbero essere anche aziende che collaboreranno con Regas.

Step” ci racconta Jamolettinasce dal senso di urgenza rispetto alla necessità di agire, in modo efficace e immediato, per contrastare i cambiamenti climatici. I dati rispetto ai cambiamenti climatici sono, infatti, allarmanti e incontrovertibili e noi di Step, abbiamo deciso di scendere in campo: non era più possibile rimanere impassibili di fronte a un problema di tale portata“.

Agire per il clima e per l’ambiente in una maniera nuova: “quello che sappiamo fare meglio” indica il Ceo di Regas “è fare impresa e puntare tutto sull’innovazione tecnologica, sposando pienamente il concetto di Open Innovation (Oi)“.

Abbiamo quindi chiesto a Jamoletti su quali fondi e finanziamenti si basa il progetto?

Step è un’iniziativa privata e privati sono i fondi su cui può contare. Il progetto sta inoltre estendendo il network delle imprese industriali che sosterranno la propria causa ambientale e che recepiranno le tecnologie green-tech sviluppate all’interno dell’Hub, rivestendo il ruolo di attuatori finali del processo di Open Innovation.

Molte aziende hanno già raccolto la nostra chiamata alle armi aderendo all’iniziativa Step e siamo certi che molte altre aziende ci raggiungeranno presto.

E dunque, come sceglierete le startup?

Le selezioni delle startup partiranno il 1° marzo 2020 e saranno articolate in più punti. Il primo è in linea con l’obiettivo di Step, ossia quello di ridurre le emissioni di 5 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti in 5 anni.

Le startup e i progetti dei ricercatori verranno, dunque, valutati in base al potenziale impatto di carbon reduction delle loro tecnologie.

Il comitato scientifico-tecnologico che presiederà le selezioni valuterà, successivamente, le startup in base al valore ed al carattere innovativo delle loro proposte. Solo i progetti maggiormente innovativi e realmente disruptive passeranno la seconda fase di selezione.

Verrà, infine, giudicato il modello di business e verranno ammessi al Tech Park unicamente startup e innovatori con un’idea sufficientemente scalabile, sostenibile e profittevole, che riesca dunque a produrre un impatto considerevole.

Prevedete anche una funzione di incubazione?

Sì, ma non canonica. Offriremo, infatti, un innovativo programma di incubazione con accelerazione, unico nel panorama italiano, che mira al veloce e efficace lancio sul mercato dei prodotti e servizi proposti dalle startup e dai ricercatori che ospiteremo, accorciandone in modo significativo il time-to-market.

Abbandoniamo così l’approccio consulenziale, usato tipicamente dagli incubatori e ci mettiamo al servizio dei pionieri tecnologici che si insedieranno in Step ai quali offriremo supporto a livello organizzativo, operativo e strategico attraverso programmi altamente personalizzati e studiati in base ai loro reali e specifici bisogni.

Abbiamo scelto questo approccio, più pragmatico e focalizzato sui risultati, perché crediamo nella necessità di generare risultati rapidi, misurabili e significativi, non solo per gli attori che ospiteremo, ma anche per i partner industriali che credono in noi e supportano il nostro progetto, oltre ovviamente al fine di adempiere, nel migliore dei modi, alla nostra mission nei confronti dell’ambiente.

Quali sono i servizi effettivi che garantirete (coworking, servizi on sharing, ricariche per mobilità elettrica…)?

Siamo convinti che l’ambiente di lavoro sia una componente importante per lo sviluppo e la contaminazione delle idee quindi mettiamo a disposizione una splendida, funzionale e avveniristica location immersa nel verde a Treviglio, in provincia di Bergamo, a pochi passi dalla stazione dei treni che collega velocemente Treviglio a Milano, Bergamo e agli aeroporti internazionali di Malpensa, Linate e Orio al Serio.

Step ospiterà spaziosi e luminosi uffici a orari flessibili, connettività a banda larga, desk completi, tutta una serie di spazi accessori come un anfiteatro per l’organizzazione di eventi e di elevator pitch, ampie meeting-room e accoglienti aree relax & leisure.

Oltre a una palestra attrezzata e un campo da basket, offriremo anche un servizio di bike sharing e ricariche per la mobilità elettrica per i fruitori del parco.

Per le startup e i ricercatori metteremo a disposizione, oltre a un solido background industriale e un esteso network di professionisti, aziende ed esperti dei maggiori settori, un laboratorio attrezzato e multiuso per l’ingegnerizzazione e il perfezionamento dei prodotti e servizi da offrire sul mercato.

Condividi: