Home Imprese Sostenibili Cambiamenti climatici: percepiti come minaccia principale per i prossimi cinque anni

Cambiamenti climatici: percepiti come minaccia principale per i prossimi cinque anni

città: Milano - pubblicato il:
Global Risks Report 2020
Immagine tratta da The Global Risks Report 2020

Il Global Risks Report 2020, realizzato dal World Economic Forum in collaborazione con Marsh & McLennan Companies e Zurich Insurance Group, mostra come la principale minaccia percepita per i prossimi cinque anni è il fallimento del contrasto ai cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici, nel lungo periodo, e la crescita della conflittualità politica ed economica, nel breve termine, sono percepiti dal panel intervistato per la realizzazione del rapporto come i principali rischi globali a cui la nostra società sarà sottoposta nei prossimi anni.

Alla rilevazione hanno infatti partecipato oltre 750 esperti e decision-maker globali, che hanno stilato un elenco delle principali preoccupazioni in termini di probabilità e di impatto.

In particolare il Global Risks Report 2020 (a questo link il documento integrale, in inglese) evidenzia come le preoccupazioni relative ai rischi ambientali siano costantemente aumentate nel corso dell’ultimo decennio, così come la richiesta di un cambio di rotta radicale, che però stenta ad arrivare.

La più alta sensibilità al tema del contrasto ai cambiamenti climatici però arriva dalle generazioni più giovani; le persone nate dopo il 1980, infatti, classificano questi rischi ambientali con maggiore gravità rispetto agli altri intervistati, nel breve e lungo termine.

Ben il 90% dei più giovani ritiene che le ondate di caldo estremo, la distruzione degli ecosistemi e le conseguenze sanitarie dell’inquinamento peggioreranno nel 2020, rispetto al 77%, 76% e 67% rispettivamente delle altre generazioni. Inoltre, i più giovani ritengono che entro il 2030 l’impatto dei rischi ambientali sarà più probabile e catastrofico.

In ogni caso, per la prima volta nella prospettiva decennale del sondaggio, tutti e cinque i rischi globali in termini di probabilità riguardano l’ambiente.

Le cinque minacce percepite come più rilevanti in termini di probabilità per i prossimi 10 anni sono infatti:

  1. eventi meteorologici estremi (inondazioni, tempeste…)
  2. fallimento delle misure di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici
  3. catastrofi naturali gravi (terremoto, tsunami, eruzione vulcanica, tempeste geomagnetiche)
  4. perdita importante della biodiversità e collasso dell’ecosistema
  5. danni e disastri ambientali causati dall’uomo

Accanto a queste, il report evidenzia anche i cinque rischi più rilevanti in termini di impatto per i prossimi 10 anni:

  1. fallimento delle misure di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici
  2. armi di distruzione di massa
  3. perdita importante della biodiversità e collasso dell’ecosistema
  4. eventi meteorologici estremi (inondazioni, tempeste…)
  5. crisi idrica

Come si nota l’attenzione all’evolversi della minaccia legata al clima è in entrambi i casi ritenuta la più grave e pericolosa. Inoltre, per le generazioni più giovani, lo stato del Pianeta è perfino più preoccupante.

Tuttavia, anche se sono i più giovani a mostrarsi più sensibili e coinvolti dalla minaccia, cominciano a crescere le pressioni dell’opinione pubblica verso i decisori.

Tanto che “assistiamo a un aumento delle pressioni sulle aziende da parte di investitori, autorità di regolamentazione, clienti e dipendenti perché dimostrino la loro resilienza alla sempre maggiore volatilità climatica” spiega John Drzik, Chairman, Marsh & McLennan Insights, azienda che ha collaborato alla stesura del report.

È pertanto necessario – conclude il Global Risks Report 2020 – un pensiero a livello sistematico per confrontarsi con i rischi geopolitici e ambientali incombenti e con le minacce che altrimenti potrebbero essere trascurate.

I progressi scientifici consentono di generare modelli più precisi dei rischi climatici e integrarli quindi nei processi di gestione del rischio e nelle pianificazioni aziendali. Gli eventi di importanza elevata, come gli incendi divampati recentemente in Australia e California, stanno spingendo sempre di più le aziende ad adottare misure contro il rischio climatico affrontando al contempo rischi informatici e geopolitici di notevole entità” conclude Drzik.

Condividi: