Home Eventi Il posidonieto delle Egadi pronto a combattere i cambiamenti climatici

Il posidonieto delle Egadi pronto a combattere i cambiamenti climatici

città: Palermo - pubblicato il:
isole egadi

La bellezza delle Isole Egadi – l’isola di Favignana in particolare – si deve anche a una delle più grandi riserve di poseidonia d’Italia. Fonte utile anche per l’economia circolare. Qui a giugno si terrà l’ottava edizione del Festival Florio

L’habitat naturale delle Isole Egadi è tra i più belli d’Italia e qui nella zona di Marina Protetta (con Decreto Ministeriale che risale al 1991) si sta studiando l’importanza della poseidonia, una pianta marina (e non un’alga come spesso si pensa) che si sta rivelando una valida alleata anche contro i cambiamenti climatici e l’erosione costiera.

La riserva, con i suoi circa 54mila ettari, oltre a essere una delle più grandi d’Europa, presenta la caratteristica di essere il primo punto di arrivo per numerosi organismi marini, i cui movimenti sono spesso collegati con l’andamento della corrente atlantica.

Tale flusso di acqua dall’oceano giunge in superficie in corrispondenza delle Isole Egadi e assume notevole importanza, portando un carico biologico e modificando, poco a poco, la propria struttura termoalina, di salinità, plancton e ittiofauna.

E la poseidonia che fa? Preserva proprio questo microclima. Ce lo racconta Salvatore Livreri Console raccontando come si comportano i 13mila ettari di posidonieto, fonte di fissaggio di carbonio incredibile.

Insomma: viva la poseidonia. Che in realtà a volte sembra essere un tantino invadente soprattutto quando ricopre le spiagge. Periodicamente, infatti, la pianta perde le foglie che si accumulano lungo le coste anche sotto forma di fibre ed egagropili.

Molti però sono gli studi in atto che stanno dimostrando come questi scarti possono essere riusati. Il Cnr ne ha validato l’uso di fibre di poseidonia come componenti di substrati di coltivazione in contenitore miscelate con torba.

Enea e l’università Sapienza di Roma, nell’ambito del progetto Gerin (GEstione RIsorse Naturali) e proprio con il contributo della poseidonia delle Isole Egadi ha messo a punto un’ecostruttura (chiamata Medonia) per farne materiale da imbottitura di involucri in materiale biodegradabile o riciclabile.

Insomma, la poseidonia non disturba affatto. Anzi, le isole di Favignana, Levanzo e Marettimo ne godono. Anche in bellezza culturale. Quest’anno, infatti, dal 14 al 21 giugno 2020 si terrà il Festival Florio, rassegna d’arte anche sostenibile sotto la direzione artistica di Giuseppe Scorzelli.

Condividi: