Home Imprese Sostenibili Meno consumi e meno emissioni con la microgassificazione per stufe a pellet

Meno consumi e meno emissioni con la microgassificazione per stufe a pellet

città: Verona - pubblicato il:
microgassificazione stufe pellet

La microgassificazione è una tecnologia brevettata che sta cambiando il settore delle stufe a pellet migliorandone il funzionamento e le prestazioni, soprattutto limitando ulteriormente le emissioni nocive

Blucomb, azienda nata nel 2012 come spin-off dell’Università di Udine, produce bruciatori a microgassificazione per stufe a pellet, che permettono di rendere ancora più efficienti questi elementi riscaldanti, eliminando la necessità di utilizzo dell’energia elettrica.

Una stufa con bruciatore Blucomb funziona infatti a pellet senza energia elettrica, scalda l’ambiente per accumulo e irraggiamento, mantenendo il calore per 3-4 ore anche una volta spenta – anche nel caso in cui sia terminato il pellet – riducendo quindi consumi ed emissioni.

La massa della stufa (pietra ollare, ghisa, refrattario, maiolica) accumula e rilascia gradualmente il calore che si irraggia in modo naturale nell’ambiente; è un calore diverso da quello prodotto dall’aria emessa artificialmente dalla ventola delle stufe a pellet convenzionali: mentre l’aria scalda per contatto, il caldo cosiddetto da accumulo, invece, penetra nei muri, nelle cose, nella pelle ed è molto più salutare per l’organismo.

Si ottiene inoltre una sensazione di benessere, di calore e di comfort, oltre a godere della bellezza naturale della fiamma, grazie al fuoco che arde in modo naturale, come quella di un caminetto a legna.

I bruciatori Blucomb sono costruiti in acciaio inossidabile di alto spessore e possono essere inseriti nella maggior parte delle stufe a legna esistenti, rendendole bi-fuel.

Tra gli altri vantaggi del sistema di microgassificazione c’è un minor impatto ambientale perché, grazie alla combustione a fasi separate, si riducono le emissioni di CO, migliorando allo stesso tempo tutti i parametri di combustione: ossidi di azoto, poveri sottili e fuliggine.

Il sistema non richiede ventole né parti in movimento per irradiare il calore, fatto che riduce anche il rumore generato dalla stufa. Infine, il sistema di microgassificazione non fa annerire il vetro e il basso contenuto di cenere del pellet riduce al minimo le operazioni di pulizia.

Condividi: