Home Eventi Il packaging comincia a parlare sostenibilmente

Il packaging comincia a parlare sostenibilmente

pubblicato il:
packaging speaks green - convegno bologna

Si parlerà di produzione industriale sostenibile al convegno Packaging Speaks Green di Bologna e di come, istituzioni, enti di ricerca, consumatori e produttori industriali devono approcciare il tema della sostenibilità ambientale

La sostenibilità rischia di diventare uno slogan pubblicitario, una parola vuota di significato se non se ne definiscono bene i confini e se non se ne dà una definizione precisa, approvata e utilizzata da tutti.

La sostenibilità deve essere infatti ambientale, sociale e, naturalmente, anche economica: da questi punti di vista partono i lavori del convegno Packaging Speaks Green, organizzato a Bologna da Ucima – l’Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il Confezionamento e l’Imballaggio – e dalla Fondazione Fico.

Abbinare alla sostenibilità la Fondazione Fico è intuitivo: diretta dall’agroeconomista Andrea Segré, già fondatore di Last Minute Market, associazione che si occupa del problema dello spreco di cibo, la fondazione si definisce una “palestra di educazione sensoriale al cibo e alla biodiversità“.

Il suo obiettivo è quello di portare consapevolezza e cultura del cibo e della sostenibilità alimentare tra i cittadini – ma soprattutto alle nuove generazioni -, perché queste due tematiche sono una straordinaria opportunità per l’Italia e il suo futuro. Per Segré “la sostenibilità è un obiettivo che viaggia su filiera lunga, dalla produzione agroalimentare alle nostre case“.

Attraverso anche il packaging che permette di portare il cibo – ma anche altre merci e prodotti – a casa. Ed ecco che si chiarisce il ruolo fondamentale di Ucima nell’evento che si svolgerà presso Fico di Bologna giovedì 20 e venerdì 21 febbraio.

La prima edizione del convegno Packaging Speaks Green nasce per dare visibilità all’industria italiana del confezionamento, diventata protagonista a livello mondiale ed è premiata dal mercato che gli riconosce competenza ed eccellenza tecnologica” dice Paolo Gambuli, direttore di Ucima.

La posizione dell’Unione è che all’Italia serva un piano di Industria Green, simile a quanto fatto per l’Industria 4.0, perché la filiera del packaging italiana è stata antesignana nello sviluppo di soluzioni sostenibili e ha tutte le caratteristiche per ambire a essere il motore di una trasformazione green di materiali e le tecnologie di confezionamento su scala internazionale.

Anche se, conclude Gambuli, “l’ultima cosa che ci serve sono iniziative politiche affrettate e non ponderate, che considerino le esigenze di tutti gli attori nel loro complesso – produttori, consumatori, industria, ambiente, economia – per non rincorrere soltanto il consenso a breve termine“.

Per questo a Packaging Speaks Green ci saranno gli esempi virtuosi di aziende leader a livello mondiale, ma anche realtà della grande distribuzione, il Wwf, che esporrà il lavoro congiunto con le aziende per raggiungere obiettivi concreti legati alla sostenibilità, e la Fao perchè lo spreco di cibo non è legato al packaging ma, al contrario, può essere ridotto dallo sviluppo di modelli di business a basse emissioni, che sfruttino l’economia circolare, il Life Cycle Assessment e progettino i packaging seguendo questi principi.

Perché poi le scelte di acquisto vengono sempre più orientate da consumatori che – almeno nelle intenzioni registrate da Nomisma – sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti che acquistano.

Il packaging è un elemento importante per la comunicazione verso il consumatore che, però, deve aumentare la sua percezione a questo riguardo – afferma Silvia Zucconi di Nomisma – Oggi però il consumatore non ha la possibilità di valutare se un packaging è sostenibile oppure no; ecco perché sono necessarie operazioni inclusive di comunicazione e di educazione“.

Informazione completa e obiettiva, diffusione e divulgazione di buone pratiche, confronto costruttivo tra tutti i protagonisti della filiera produttiva: ecco quindi, in sintesi, l’obiettivo di Packaging Speaks Green di Bologna.

Condividi: