Home Eventi Verde in fiera: Myplant & Garden spostato a settembre

Verde in fiera: Myplant & Garden spostato a settembre

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 24 Febbraio 2020
myplant&garden 2020
foto Myplant&Garden

La Segreteria Organizzativa della fiera Myplant & Garden, in considerazione della gravità della imprevedibile situazione attuale e in virtù della defezione di numerose aziende partecipanti a causa del timore di contagio dovuto alla diffusione del Covid-19 – oltre alla prevedibile ridotta partecipazione dei visitatori – dopo ave preso contatto con i rappresentanti della Prefettura di Milano e con Regione Lombardia per chiedere di esprimersi riguardo alle disposizioni da adottare in merito alla situazione di emergenza in atto, ha deciso di rimandare l’evento.

Nel rispetto dell’impegno e del lavoro di tutte le parti coinvolte nella realizzazione della manifestazione, la Segreteria Organizzativa – avendo a cuore la salute di tutti gli espositori, visitatori e delle loro famiglie – comunica a tutte le aziende espositrici, agli enti e alle associazioni di categoria il rinvio della data di svolgimento della manifestazione nel mese di settembre 2020.

Il cuore e la mente del verde si incontrano a Myplant & Garden dove creatività, tecnologie e business si fondono in un’unica manifestazione B2b dedicata all’ortoflorovivaismo. Ormai la più importante manifestazione verde in Italia.

Non solo perché organizzata a Milano (dal 26 al 28 febbraio a Rho Fiera), ma anche per il parterre di eventi e incontri che il calendario di Myplant & Garden promette.

E con la fiera cresce anche il settore con un’esportazione che cresce quasi a due cifre come afferma GianPietro D’Adda, presidente del Consorzio Myplant & Garden che per il sesto anno con il supporto dell’agenzia VGCrea organizza la manifestazione che oggi ospita quasi 800 aziende.

Mancare vuol dire perdere un workshop sul campo che dura tre giorni. Crediti formativi a gogo, soprattutto per i dottori agronomi e forestali.

E poi, come tutte le buone fiere di settore, in Myplant & Garden si creano relazioni e si stringono accordi. Si fa business. Così hanno decretato i visitatori dello scorso anno che sono stati più di 20mila.

Le nuove tecnologie non mancano: e il convegno di apertura – Agricoltura 4.0 (26 febbraio ore 9:30 c/o pad 20 sala 1/B45) aprirà un canale preferenziale sui finanziamenti europei proprio in funzione del Green Deal espresso dalla Commissione europea.

Come lavorare con la Pubblica amministrazione sul verde è un altro momento, importante, sviluppato dalla fiera. Perché bandi e finanziamenti (in vista anche quelli di Industria 4.0) faranno la differenza del settore dove le piante sono le Natural Based Solution per combattere l’inquinamento e affrontare la crisi climatica.

Conviene, poi, dare un occhio anche a come si lavoro con il verde nel settore sportivo. Verde vivo, fiori, reciso, macchinari, progetto e paesaggio, vasi, nutrienti e sementi, servizi, decorazione e accessori i macro-settori principali attorno ai quali si sviluppa la manifestazione.

Necessario buttare un occhio anche alla rassegna delle proposte innovative in concorso. Tra le candidature selezionate, troveremo particolari accenti innovativi nella meccanica, nella robotica, nella botanica, nell’accessoristica, nei vasi e contenitori, nei processi produttivi, nell’ibridazione vegetale, nei concimi, nella lotta agli insetti, nell’arboricoltura, nelle pavimentazioni.

I percorsi sono tanti. Come quello Verde Bio, curato da Change Up, che evidenzia la presenza di alcune delle migliori produzioni biologiche ed eco-sostenibili degli espositori in mostra in ogni settore all’interno della fiera. Mettetevi buone scarpe: Myplant & Garden vi farà fare tanti chilometri.

Condividi: