Home Eco Lifestyle Polvere inquinata, dal Sahara all’Europa

Polvere inquinata, dal Sahara all’Europa

pubblicato il:
cams controllo polvere deserto

Cieli rossi carichi di polvere hanno oscurato le Canarie. Polvere che sta viaggiando attraverso l’oceano verso l’Europa. Copernicus monitora costantemente il fenomeno per prevenire gli impatti fornendo utili informazioni a enti e aziende

C’è un fenomeno atmosferico che sta interessando le Isole Canarie dalla scorsa settimana. Si tratta di una grande striscia di polvere proveniente dal deserto del Sahara che, oltre a causare enormi disagi negli spostamenti aerei, aumenta i livelli di particolato.

Lo spostamento di questa polvere sta attraversando l’Oceano Atlantico del Nord e si prevede che raggiungerà l’Europa nei prossimi giorni.

Il Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams) sta monitorando questo spostamento che non solo ha un impatto negativo sulla qualità dell’aria, ma può compromettere vari settori come la produzione di energia solare in Spagna, oltre ai trasporti.

I dati forniti da Cams sono indispensabili per le aziende e i privati per consentire di pianificare e ridurre gli effetti di questo fenomeno anche sulla salute pubblica.

Le previsioni vengono calcolate due volte al giorno, combinando le osservazioni satellitari con un modello informatico all’avanguardia che consente di prevedere i cambiamenti e la distribuzione dei pennacchi di polvere nei successivi cinque giorni.

Vincent-Henri Peuch, direttore di Copernicus Atmosphere Monitoring Service, commenta: “Come abbiamo visto dall’incidente che ha interessato i voli da e per le Isole Canarie, le particelle di polvere non causano solo enormi disagi, ma possono anche influire sulla salute delle persone. Ecco perché è fondamentale disporre di previsioni accurate e Cams non solo può fornire questi dati, ma può anche collaborare con aziende e organizzazioni, le quali possono trasmettere queste informazioni al pubblico tramite app e siti Web per smartphone o tablet“.

Cams fornisce previsioni relative alla polvere e ad altri principali inquinanti atmosferici alle principali app che divulgano informazioni sulla qualità dell’aria al pubblico come Windy, BreezoMeter, Plumelabs e l’app meteo di iPhone che si basa su The Weather Channel.

Copernicus è il programma più importante dell’osservazione della Terra dell’Unione Europea che si avvale di sei servizi telematici specifici: atmosfera, mare, Terra, cambiamento climatico, sicurezza ed emergenza.

I dati che fornisce sono accessibili a tutti coloro che vogliono tenersi aggiornati sulle condizioni dell’ambiente.

Il programma è gestito e coordinato dalla Commissione europea in collaborazione con gli Stati Uniti, l’Agenzia spaziale europea (Esa), l’Organizzazione europea per l’utilizzo dei satelliti meteorologici (EumetSat), il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio (Ecmwf) le agenzie UE, Mercator Océan e altri.

Il servizio operativo è attivo 24 ore tutti i giorni e produce previsioni disponibili ai servizi meteorologici nazionali degli Stati membri grazie al supercomputer di Ecmwf. Questa struttura è una delle più grandi in Europa.

Condividi: