Home Green Jobs La sharing economy per il settore edile: gru, escavatori, carrelli e pale

La sharing economy per il settore edile: gru, escavatori, carrelli e pale

città: Bolzano - pubblicato il:
rentmas sharing economy
Manuel e Daniela Niederstaetter

La sharing economy si allarga al mondo dell’edilizia attraverso RentMas, una nuova piattaforma online che ha attivato un marketplace specializzato per il noleggio e l’offerta di pale, escavatori, carrelli e gru

A Klimahouse una startup di Bolzano si è aggiudicata il secondo premio del Future Hub Startup Award presentando il progetto per un’innovativa piattaforma professionale di sharing online, dove far incontrare domanda e offerta legate al settore delle costruzioni, creando opportunità di business e abbattere i costi del noleggio.

RentMas nelle prossime settimane infatti si presenterà a Green Logistics Expo e a Samoter, fiere di riferimento del settore organizzate rispettivamente da Fiera di Padova e Veronafiere.

La startup altoatesina è nata da una costola dell’azienda Niederstätter, che opera nel settore del noleggio da mezzi da cantiere nel Nordest.

Come funziona la piattaforma di noleggio online Rentmas

La piattaforma di sharing economy nasce dall’esigenza di imprenditori o privati possessori di macchine da costruzione edili – escavatori, piccole pale, gru – di tenere questi costosi macchinari in movimento, ottimizzando e ammortizzando il loro costo di acquisto e manutenzione.

I macchinari possono essere registrati su RentMas e messi a disposizione per il noleggio; al tempo stesso chi ha la necessità di utilizzare un determinato macchinario per effettuare un lavoro edile può cercare sulla piattaforma l’eventuale disponibilità attraverso una mappa e prenderle in prestito per il periodo necessario.

Rentmas verifica assicurazione e manutenzione del macchinario offrendo anche la disponibilità per organizzare il trasporto direttamente in cantiere.

Il focus specifico dell’azienda è sui macchinari connessi che rispondono ai requisiti del piano Impresa 4.0 e prevede anche il servizio di messa in servizio e formazione certificata.

Oltre all’interesse suscitato al Future Hub Startup di Klimahouse la soluzione ha vinto anche il Premio Euregio 2019 dedicato alle migliori idee portate dei giovani innovatori provenienti dalle regioni del Tirolo tra Austria e Italia.

Condividi: