Home Eco Lifestyle Giornata internazionale dei musei: ecco cosa fare lunedì 18 maggio

Giornata internazionale dei musei: ecco cosa fare lunedì 18 maggio

città: Milano - pubblicato il:
Giornata internazionale dei musei

Scienza e cultura non si sono fermate durante il Covid-19 e non lo faranno nemmeno per la Giornata Internazionale dei Musei 2020. Tra mostre online e dal vivo le cose da fare sono diverse

Nonostante le difficoltà dovute al Covid-19, la Giornata Internazionale dei Musei 2020 si svolgerà e il tema scelto per l’edizione di quest’anno è Musei per l’eguaglianza: diversità e inclusione.

Alcune realtà hanno deciso di organizzare tour virtuali, ma altre, a seguito del decreto legislativo del 16 maggio, hanno scelto di riaprire da oggi, lunedì 18 maggio 2020.

Le iniziative organizzate per la Giornata Internazionale dei Musei

Un esempio è il Museo Poldi Pezzoli di Milano, che torna con la mostra Memos. A proposito della moda in questo millennio, a cura di Maria Luisa Frisa.

Grazie all’Associazione Amici del Museo Poldi Pezzoli, per i primi tremila visitatori l’ingresso sarà offerto al prezzo di un euro.

L’accesso è chiaramente permesso solo al pubblico munito di guanti e mascherina e il personale all’ingresso misurerà la temperatura con un termo scanner e inviterà i visitatori a disinfettarsi le mani con il gel messo a disposizione dal museo.

All’ingresso è presente inoltre un apposito tappeto igienizzante per pulire le suole delle scarpe.

Come anticipato, altri musei e realtà universitarie hanno preferito organizzare la Giornata Internazionale dei Musei 2020 attraverso dei tour digitali.

Le iniziative del Muse

Il Muse – Museo delle scienze ha deciso di presentare il video racconto a più voci intitolato Ottone primitivo col nasone: storia semiseria di un’evoluzione umana. Il progetto di Romana Scandolari è stato scritto in Easy to Read, il linguaggio che semplifica parole e concetti in modo che siano facilmente comprensibili da chiunque, invitando così a riflettere sulle diversità e la forza dell’incontro.

L’obiettivo del progetto è quello di proporre al pubblico una riflessione e di sorprenderlo grazie a un cambio di prospettiva: un’opportunità di incontro inusuale che possa essere da stimolo e condurre fuori dalla propria zona di comfort a favore dell’incontro e del dialogo.

Il filmato verrà mostrato sui canali social del Muse ed è stato realizzato grazie alla collaborazione con Anffas Trentino onlus, Ente nazionali sordi, Associazione culturale Il Gioco degli Specchi e i bambini della scuola materna di Tiarno (Ledro) che hanno curato i disegni.

Università di Pisa: incontri online sull’arte

Anche il mondo universitario apre le sue porte – virtuali – in occasione della Giornata Internazionale dei Musei 2020. Una prima iniziativa è quella dell’Università di Pisa, che organizza la serata di lunedì 18 maggio con una serie di incontri online.

La serata di incontri comincerà alle 17:45 con l’introduzione al programma della serata, per proseguire alle 18 con la premiazione di Fi/oto 2020, un concorso fotografico a tema botanico organizzato dall’Orto e Museo Botanico di Pisa.

Alle ore 19 sono previsti due webinar, che illustreranno le attività e approfondiranno la storia di due realtà espositive legate al Sistema Museale di Ateneo. Il primo di questi interventi sarà su Il congresso dei dotti e la nascita del Museo di Anatomia Umana, tenuto dal direttore del Museo Gianfranco Natale; a seguire, verrà presentato il seminario su Il Museo Scientifico: quale fruizione possibile? L’esempio della Fisica nel Sistema Museale dell’Università di Pisa, condotto da Sergio Giudici, direttore del Museo degli Strumenti di Fisica.

Infine, il programma si concluderà alle ore 21 con l’iniziativa Restart360, una visita guidata virtuale del Museo degli Strumenti per il Calcolo: un tour su quanto presente prima della ristrutturazione attuale.

Oltre alla collezione permanente, sarà possibile apprezzare la mostra Congetture Isomorfe dell’artista Francesco Zavattari, curata da Cláudia Almeida e prodotta da Cromology Italia.

Il tour virtuale de La Sapienza di Roma

Seconda proposta dal mondo universitario è quella dell’Università La Sapienza di Roma, che offre un tour virtuale delle collezioni artistiche e naturalistiche dell’ateneo, disponibile online.

A condurre il tour ci saranno esperti nazionali e internazionali che racconteranno e illustreranno i reperti delle preziose collezioni dei diciotto musei interni.

L’iniziativa vi consentirà di passeggiare virtualmente nell’Orto botanico di Roma a Trastevere, conoscere la collezione anatomica e leggere la storia del discobolo ritrovato, così come anche osservare antichi dispositivi acustici per la misurazione del suono e macchine storiche per il calcolo della potenza idraulica.

Inoltre, saranno disponibili le geografie da ascoltare e la possibilità di ripercorrere l’evoluzione dell’uomo e delle specie animali.

Una sezione sarà inoltre dedicata alla scoperta della Sapienza museo a cielo aperto, alle sue architetture e al grande affresco svelato di Mario Sironi nell’Aula magna del Rettorato. Infine, un video mapping suggestivo presenterà il Polo Museale Sapienza che raccoglie e comprende l’intero patrimonio museale della Sapienza.

Lo scorso anno – lontani dall’emergenza sanitaria – l’iniziativa si svolse in corrispondenza con la Festa dei Musei e con la Notte dei Musei, intorno al tema Musei come hub culturali: il futuro della tradizione.

I musei che parteciparono alla Giornata Internazionali dei Musei 2019 proposero eventi innovativi e attività inerenti al tema proposto, coinvolgendo il proprio pubblico, evidenziando l’importanza del ruolo dei musei come istituzioni al servizio della società e del suo sviluppo.

Fu un esempio di aggregazione culturale e di scambio di idee e di esperienze formanti importante. Oggi, l’International Museum Day, promosso in tutto il mondo dall’International Council of Museums (Icom), verrà festeggiato grazie a un palinsesto ricco di eventi virtuali, che permetteranno al pubblico di accedere al mondo dell’arte ovunque essa si trovi.

Comunque voi decidiate di farlo, rimanendo nelle vostre case o accedendo di persona agli spazi adibiti ad accogliere il pubblico in sicurezza.

Condividi: