Home Eco Lifestyle Una vita all’ombra, così il giardino affronta il caldo estivo

Una vita all’ombra, così il giardino affronta il caldo estivo

pubblicato il:
ombra in giardino

Creare ombra in un giardino serve anche per attutire le alte temperature estive. Ecco come procedere per gestire gli spazi al meglio e non solo con gli alberi da fusto

Ottenere una zona di arbusti rigogliosi all’ombra, sotto una chioma ampia e fitta è possibile. Un grande albero in giardino è apprezzato da tutti (in estate, è utilissimo poi per ricoverare le piante da interno), ma chi deve conviverci, ne troverà presto anche i lati negativi: la sottrazione di spazio utile in giardino, l’ombra persistente, l’esistenza di una zona poco frequentata e a suo dire, priva di attrattiva.

Invece, si possono coltivare un gran numero di specie diverse, erbacee e arbustive, fiorite o sempreverdi. Per convincervi, cari lettori, voglio proporvi il più difficile dei casi, quello di una grande conifera, per esempio un Cedrus o un Abete rosso (il classico albero di Natale).

Entrambi sempreverdi, generano un’ombra non stagionale ma persistente tutto l’anno, con una caduta costante di aghi che nel tempo stratificano e  rendono il terreno sottostante spiccatamente acidofilo, ma oltremodo soffice, umido e sorprendentemente… sono proprio queste le condizioni favorevoli per far vivere bene e a lungo, le specie che vi elenco qui sotto.

Fra gli arbusti che è possibile coltivare, due spiccano su tutti: le Ortensie e le Skimmie. Oltre le ortensie che conosciamo tutti, (le Macrophylla), voglio raccontarvi dell’Hydrangea quercifolia, pianta spogliante con foglie ovate, grandi, che in autunno si colorano in modo cangiante di giallo e arancio-rossastro.

Raggiunge i 150/180 cm di altezza, ma può essere ragionevolmente regimentata; provate la varietà Snow Flake, molto decorativa per i fiori bianchi riuniti in pannocchie.

La Skimmia invece, è un cespugliotto sempreverde con foglie di un bel verde scuro lucide e cuoiose, che a inizio maggio, si ricopre di fiori bianco-rosati a forma di stella, originati da gemme sferiche di un bel rosso acceso/magenta formatesi in tardo autunno. Innamoratevi della varietà Magica Marlot, che mantiene per lungo tempo boccioli chiari, pregevoli in una zona d’ombra dove si deve portare la luce.

Per gli amanti della  vegetazione coprisuolo, un classico affidabile che non delude mai sono le Hosta a foglia variegata come la Francee e la Summer Music che uniscono verde chiaro, crema e bianco-panna in un contrasto piacevolmente armonioso.

Per chi desidera anche coprire alla vista il tronco spoglio, resinoso e desquamato della conifera sovrastante, sfruttate l’Aucuba japonica variegata, la Fastsia, ma anche l’Aspidistra: in poco tempo costituiranno una quinta sempreverde dall’aspetto tropicale.

Imbattibili Impatiens, la sempre di moda Begonia, ma anche la Campanula punctata var. hodoensis (dal portamento semieretto a fiori bianchi) e la Tradescantia virginiana, sono tra le piantine fiorite che possono dare maggiori soddisfazioni.

Per un effetto più naturale, da sottobosco, vi suggerisco di piantare Mughetti a gruppi di cinque qua e là… vi sorprenderanno a inizio primavera con le loro campanelle profumatissime di un colore bianco abbagliante, candido e puro.

Avete visto come un angolo d’ombra (sino a ieri bistrattato) può, con le giuste piante, diventare un vero e proprio punto focale del giardino ma sopratutto… il vostro rifugio preferito dalla calura estiva.

Stefano Pagano Stefano Pagano: laureato in Verde ornamentale e tutela del paesaggio alla Facoltà di Agraria di Bologna, collabora con lo Studio Tecnico Paesaggistico, studio che si occupa di progettazione di parchi, giardini e terrazzi ed è responsabile del team operativo La Giardineria | e-mail | Facebook
Condividi: