Home Imprese Sostenibili Davines presenta il bilancio di sostenibilità 2020

Davines presenta il bilancio di sostenibilità 2020

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020

Presentato nel Davines Village il bilancio di sostenibilità 2020 che elenca i risultati positivi del gruppo in tema di community, ambiente e persone

La presentazione di quest’anno del bilancio di sostenibilità di Davines si è svolta, come siamo ormai abituati a vedere da qualche mese, in forma virtuale, nella rilassante e tranquilla cornice del Davines Village.

Nonostante il periodo difficile Davines ha elencato positivi risultati (il report è disponibile unicamente online, in forma digitale e non più stampato in formato cartaceo) in termini di sostenibilità, perseguendo e raggiungendo quegli obiettivi fissati lo scorso anno; come sempre mettendo persone, ambiente e comunità al centro di ogni azione positiva intrapresa.

I motivi per gioire di quanto fatto ci sono: la ricertificazione Bcorp (oltre quota 115 punti), a testimonianza della completezza del percorso di sostenibilità intrapreso dall’azienda e portato avanti da Sonia Ziveri; la trasformazione della ragione sociale in benefit corporation, che anche dal punto di vista giuridico-amministrativo mette nero su bianco la missione positiva di Davines e, non da ultimi, i risultati economico-finanziari raggiunti, prova reale di un modello – quello bcorp e della sostenibilità – che è in grado di generare crescita e profitti per l’azienda, oltre che portare benefici ai bisogni delle persone, della società e alla salvaguardia dell’ambiente.

Eppure – dice Paolo Braguzzi, amministratore delegato e direttore generale di Davinesoggi è difficile gioire per questi risultati. Le circostanze esterne ci impongono una gestione straordinaria in cui la continuità fra il passato e il futuro non è più certa, le sfide sono diverse e, mentre riaffermiamo i principi in cui crediamo, dobbiamo fare i conti con una nuova realtà“.

bilancio di sostenibilità 2020 davines

La nuova realtà è quella che ci è stata messa di fronte dall’emergenza sanitaria e che, pur dando priorità ad altri tipi di lotta, ha al tempo stesso messo in evidenza come il maltrattamento continuo del Pianeta porta, infine, a subire conseguenze devastanti.

Non solo per i cambiamenti climatici che generano siccità o alluvioni, ma anche per il crescere dell’inquinamento che può diventare facile coadiuvatore della diffusione di virus, oltre che rendere la qualità dell’aria pessima in molte gradi metropoli.

Ecco, dal bilancio di sostenibilità 2020 di Davines emergono le tante azioni positive promosse insieme alla altre bcorp in un’interdipendenza sistemica che genera valore positivo e partecipazione ai progetti da parte di tutti.

bilancio di sostenibilità 2020 davines

Per la prima volta l’azienda ha utilizzato l’Sdg Action Manager per lavorare sul raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite ogni giorno, all’interno dell’azienda. Per farlo davvero, non soltanto come mezzo pubblicitario per dirsi sostenibile.

Ecco perché, tra i risultati del 2020 si possono annoverare lo 0% di rifiuti mandati in discarica – in ottica di economia circolare che recupera tutto quello che è possibile, progettando i prodotti dall’inizio per quello scopo – il 100% di energia rinnovabile utilizzata nel Davines Village e il 55,8% di packaging in plastica riciclata e biobased.

E i prossimi obiettivi? L’azienda ci sta, ovviamente già pensando. Le difficoltà saranno moltiplicate rispetto al passato, alla luce di quanto vissuto in questa prima parte di 2020. Ma nessuna strada virtuosa è semplice…

Per il presidente Davide Bollati, infatti, “Davines è solo per chi vuole continuare un cammino ben preciso di impegno e sacrificio verso il superamento dei propri stessi limiti, con atteggiamento eroico. L’eroe è eroe solo se riesce ad andare oltre il proprio interesse personale, con lo scopo di perseguire un bene comune superiore“.

Quindi l’esortazione è a impegnarsi ancora di più per contribuire al nuovo paradigma di rigenerazione, necessario oggi più che mai alla ripartenza del nostro sistema Paese. Siamo sicuri che Davines, come ci ha abituato finora, riuscirà anche in questa impresa!

Condividi: