Home Imprese Sostenibili Contro le perdite idriche arrivano i raggi cosmici

Contro le perdite idriche arrivano i raggi cosmici

pubblicato il:
raggi cosmici

Alcune particelle provenienti dallo spazio, veri e propri neutroni liberi, raggi cosmici, possono dare segnali di presenza di perdite d’acqua indicando presenza di idrogeno.

La sperimentazione è in atto: la multiutility Hera in collaborazione con la startup Cosmic e la asrl Neptune, sta sperimentando un sistema basato sulla rilevazione dei neutroni liberi, particelle provenienti dallo spazio, che vengono rallentate o assorbite dall’idrogeno presente nell’acqua. E quindi indicano dove ci sono perdite idriche.

Il nuovo sistema, che ha conquistato il primo premio nella competizione pensata dall’Agenzia Spaziale Europea dedicata alle imprese innovative, permette di controllare una quantità di rete considerevolmente maggiore rispetto ai sistemi ‘tradizionali’ di controllo sul territorio, proprio perché può viaggiare con il mezzo mobile su cui viene montato.

La possibilità di estendere il controllo su una porzione di rete più ampia (Hera gestisce oltre 35.000 Km di acquedotto) è fondamentale: l’individuazione delle perdite con questa nuova tecnologia permetterà al Gruppo Hera di intervenire per ripararle con maggiore tempestività e, di conseguenza, di recuperare quantitativi importanti di “oro blu”, altrimenti dispersi.

Ma come funziona la ricerca delle perdite basata sui neutroni?

Il nuovo sistema, che la multiutility sta testando su 1.250 km, agendo in maniera tale da prelocalizzare le perdite tramite tecnologia raggi cosmici, basata sul conteggio dei neutroni.

L’umidità del terreno è rilevata, in relazione alla concentrazione dei neutroni liberi, da un apposito strumento che, come si è detto, può essere montato su qualsiasi mezzo mobile. Queste particelle, infatti, vengono rallentate o assorbite dall’idrogeno: poiché una molecola d’acqua contiene due atomi di idrogeno e uno di ossigeno, in una perdita idrica sono presenti molte molecole di idrogeno, che assorbono i neutroni e determinano un loro calo a livello del manto stradale. Calo che lo strumento è in grado di rilevare.

Condividi: