Home Green Jobs Progetto CereAlp di Unimont, bando di concorso per un assegno di ricerca...

Progetto CereAlp di Unimont, bando di concorso per un assegno di ricerca Tipo B

pubblicato il:
bando di concorso Unimont

Occasione di lavoro all’interno del Progetto CereAlp nel team di Unimont: è stato indetto un bando di concorso per l’assegnazione di un assegno di ricerca Tipo B di durata annuale

Il Centro di Ricerca Ge.S.Di.Mont. – Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia dell’Università degli Studi di Milano, ha istituito un assegno di ricerca di tipo B della durata annuale, che si svolgerà sotto la guida della Prof.ssa Annamaria Giorgi all’interno del progetto di ricerca dal titolo Buone pratiche per la coltivazione e la trasformazione di cereali alpini e piante officinali – Progetto PSR operazione 1.2.01.

L’assegnista si occuperà dello studio delle attuali pratiche di conservazione, caratterizzazione, coltivazione, trasformazione e valorizzazione dell’agro-biodiversità, con particolare riferimento a cereali e piante officinali; dell’analisi degli effetti dell’ambiente montano (fattori biotici e abiotici) sulle caratteristiche qualitative, nutrizionali, salutistiche ed ecofisiologiche di varietà cerealicole montane e piante officinali riconducibili a programmi di valorizzazione del territorio montano; della mappatura dell’agro-biodiversità vegetale coltivata (conservata on farm) sul territorio italiano e analisi geostatistica dei dati; della disseminazione dei risultati della ricerca attraverso pubblicazione tecnico-scientifiche, organizzazione di seminari, incontri tecnico-scientifici e divulgativi; della divulgazione dei risultati anche tramite l’utilizzo degli strumenti web come i social network, per raggiungere un pubblico più vasto e ampliare il network degli stakeholder.

Per conseguire i fini divulgativi e di disseminazione scientifica della ricerca, la figura richiesta deve essere in grado di interagire con gli agricoltori locali situati nelle aree montane lombarde, con particolare riferimento alla zona della Valtellina e della Valcamonica, fungendo da raccordo con il Centro di Ricerca Ge.S.Di.Mont e garantendo la diffusione delle buone pratiche tra gli abitanti del territorio, con maggiore attenzione ai giovani.

I candidati devono possedere i seguenti requisiti:

  • esperienza pregressa nell’ambito dell’attività di ricerca, connessa con l’analisi dell’agro-biodiversità vegetale e delle risorse/produzioni agroalimentari
  • conoscenza delle tecniche di conservazione (in situ e/o ex situ), caratterizzazione, trasformazione e valorizzazione dell’agro-biodiversità
  • conoscenza e padronanza delle principali metodologie e tecniche per l’analisi agronomica e/o la caratterizzazione fitochimica-nutrizionale di varietà di interesse agro-alimentare o di piante officinali
  • raccolta, elaborazione dati e utilizzo dei principali programmi di analisi statistica di base (Microsoft Excel, R, SPSS)
  • conoscenza e padronanza dei principali software informatici per la creazione di contenuti e la divulgazione degli stessi
  • competenze nell’ambito della comunicazione, online e offline (competenze relazionali)

L’attività di ricerca si svolgerà presso l’Università della Montagna, polo d’Eccellenza dislocato a Edolo dell’Università degli Studi di Milano.

Date le disposizioni connesse al contenimento della diffusione dell’infezione da Covid-19 e la chiusura temporanea delle strutture dell’Università degli studi di Milano, le domande di partecipazione devono essere trasmesse esclusivamente per via telematica, mediante posta elettronica certificata (Pec) o, in assenza, mediante posta elettronica ordinaria, all’indirizzo [email protected].

Tutte le informazioni relative al bando sono disponibili online; la scadenza per l’invio della propria candidatura è stato fissato al 07/09/2020.

Condividi: