Home Eco Lifestyle Bike to work, in Emilia Romagna un premio per chi va al...

Bike to work, in Emilia Romagna un premio per chi va al lavoro pedalando

bike to work
Foto di Andrea Piacquadio da Pexels

In Emilia Romagna nasce un progetto di tutela ambientale che premia con una somma fino a 400 euro chi va al lavoro con la bicicletta. Merito del progetto Bike to Work, che parte in via sperimentale grazie alla collaborazione tra Arpae e Wecity

Da inizio settembre è attivo a Modena il progetto Bike to Work, nato dalla collaborazione tra Arpae – Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia dell’Emilia Romagna – e la piattaforma per la mobilità sostenibile Wecity, che premia chi userà la bicicletta per andare al lavoro.

Una proposta che è potenzialmente rivolto a tutti i 1.270 dipendenti di Arpae – 100 sono quelli che già hanno aderito nella prima settimana – e che premierà nei prossimi 18 mesi della sperimentazione con 15 centesimi per ogni chilometro percorso chi decide di utilizzare la bicicletta nel tragitto casa-lavoro.

Le premialità, previste direttamente in busta paga, cambieranno in base all’effettivo utilizzo della bicicletta: si potrà arrivare così fino a 400 euro in un anno se si usa esclusivamente la bici per il tragitto casa-lavoro e fino a 200 se si abita in una città diversa rispetto a quella della sede di lavoro e si usa la bici insieme ad altri mezzi pubblici (treno e bus).

Le premialità verranno corrisposte ogni 6 mesi sulla base dei chilometri percorsi registrati dall’applicazione Wecity, installata sullo smartphone degli aderenti all’iniziativa.

Attraverso i dati registrati dall’app, inoltre, al termine del primo anno di attività del progetto saranno valutati i benefici concreti per l’ambiente, in termini di miglioramento della qualità dell’aria e di minori emissioni di CO2.

Per partecipare all’iniziativa gli interessati dovranno dichiarare, al momento della registrazione, di avere una bicicletta con le caratteristiche prescritte dal Codice della strada e dal relativo Regolamento di esecuzione e di rispettare tutte le norme previste e le comuni regole di prudenza.

Il progetto avviato da Arpae e Wecity si affianca alle iniziative simili promosse da altri 9 soggetti pubblici più diversi privati (tra cui note aziende della grande distribuzione e della moda) uniti dall’obiettivo comune di promuovere l’uso della bici e, in generale, la mobilità sostenibile.

L’iniziativa è in linea con gli obiettivi della legge regionale 10/2017, con cui il legislatore dell’Emilia Romagna si è posto l’ambizioso traguardo di raddoppiare la mobilità ciclopedonale che già partiva da una percentuale di spostamenti doppia rispetto a quella nazionale: 10% contro il 5% del dato italiano (dati 2017).

Condividi: