Home Eventi Science for the Planet: 100 proposte per la vita che verrà

Science for the Planet: 100 proposte per la vita che verrà

pubblicato il:
trieste next 2020

A Trieste Next 2020, il festival della scienza, si parlerà di ambiente, salute, smart city e Green Deal mettendo a confronto impresa e ricerca attraverso incontri virtuali e dal vivo

Calzante più che mai il tema che verrà affrontato nell’edizione 2020 di Trieste Next, attraverso il confronto e l’incontro delle aziende e della ricerca scientifica, per comprendere le sfide della “vita che verrà” e come la scienza potrà aiutarci a superarle.

Trieste Next 2020, che si terrà dal 25 al 27 settembre, ha per titolo Science for the Planet: 100 idee per la vita che verrà e tratterà di salute – non si può ignorare infatti il tema della crisi sanitaria globale innescata dall’epidemia di Covid-19, che si inserisce nel contesto del riscaldamento globale – ma anche di inquinamento, energia, alimentazione, sviluppo industriale ed economico e gestione del territorio.

Un’edizione dal vivo e in presenza – nel rispetto delle norme anti-Covid – che integrerà gli eventi che si svolgeranno negli spazi tradizionali del festival con la possibilità di seguire tutti gli appuntamenti della manifestazione anche in streaming.

Tra gli ospiti di questa nona edizione di Trieste Next 2020 ci saranno, tra gli altri, Jan Olof Lundqvist, dello Stockholm International Water Institute, Claudia Ringler, dell’International Food Policy Research Institute, Paolo Vineis docente di Epidemiologia ambientale dell’Imperial College di Londra, Pier Paolo Di Fiore, ricercatore Airc e professore dell’Università degli Studi di Milano e Peter Wadhams, glaciologo dell’Università di Cambridge, autore del libro Addio ai ghiacci.

Caratteristica peculiare di questa manifestazione è quella del dialogo tra ricerca scientifica e mondo dell’impresa: quest’anno Marco Alverà, amministratore delegato di Snam (una delle maggiori società di infrastrutture energetiche al mondo), Renato Mazzoncini, amministratore delegato e direttore generale della multi-utility A2A, e Diana Bracco, amministratore delegato dell’azienda farmaceutica porteranno la visione delle loro imprese sul problema.

Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico Orientale, racconterà invece la svolta green di quello che oggi è già uno dei più importanti snodi della Nuova Via della Seta; inoltre il Ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli porterà la presenza istituzionale al dibattito.

Come ogni anno gli istituti di ricerca di Trieste saranno presenti in Piazza Unità d’Italia negli stand del Villaggio della scienza che nel 2020 sarà rinnovato per garantire la piena fruizione in sicurezza.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero ma, data la disponibilità limitata di posti e per rispettare le norme anti-Covid, per la partecipazione fisica agli eventi è obbligatoria la prenotazione online sul sito di Trieste Next 2020.

Condividi: