Home Eco Lifestyle Skincare sostenibile, bellezza day by day, con Mameha

Skincare sostenibile, bellezza day by day, con Mameha

pubblicato il: - ultima modifica: 8 Ottobre 2020
mameha skincare sostenibile
Foto di John Ross per Mameha

Mameha, un nuovo marchio di cosmesi naturale che abbina sostenibilità, tecnologia e stampa in 3D. Un programma settimanale per una skincare routine direttamente a casa

Mameha è il nuovo marchio di ispirazione giapponese di skincare sostenibile di alta qualità e naturale.

Si tratta di una linea di sieri no gender per la pelle, multifunzionali, con ingredienti naturali e sostenibili. Ogni formulazione offre un trattamento quotidiano specifico per ogni tipo di pelle ed è studiato con un programma settimanale.

Lunedì, energizzante; Martedì, lenire e rinfrescare; Mercoledì, tonicità e ringiovanimento; Giovedì, proteggere e prevenire; Venerdì nutrimento profondo, Sabato, beauty boost e Domenica curare e ripristinare.

Questo programma di 7 giorni è disponibile attraverso un abbonamento mensile online con consegna a domicilio ogni 28 giorni.

La startup con sede a Londra è stata fondata nel 2019 da Ila Colombo che descrive così il suo progetto: “Ho fondato Mameha con l’obiettivo di creare un regime di cura della pelle di derivazione naturale che preservasse e valorizzasse la nostra pelle per tutta la vita. Voglio che ognuno di noi si senta e sembri sano per tutto il tempo che la natura ci concederà“.

L’attenzione all’ambiente e alla sostenibilità si esprime anche nel packaging, ideato dal designer Ross Lovegrove che spiega: “Il packaging dei prodotti è sempre stato per me un argomento delicato per la sua natura usa e getta, quindi guardo all’arte e alla tecnologia per elevarne la sostenibilità con bellezza e logica. La maggior parte di questi materiali diventa automaticamente una discarica e raramente viene riciclata. Credo che ci sia una nuova opportunità per ripensare il modello ed è per questo che per Mameha è stato imperativo concentrarsi sull’utilizzo di materiali più leggeri, più efficienti e più riciclabili, progettando con solo l’essenziale e il numero minimo di componenti che possono essere facilmente smontati a mano“.

Il packaging è realizzato con materiali riciclabili al 100% ed è progettato per utilizzare il minor numero possibile di materiali – solo vetro e polimero – in modo da mantenere la freschezza dei sieri.

Lovegrove utilizza l’80% in meno di vetro al quale viene applicato un rivestimento anti-UV per garantire una perfetta conservazione.

È inoltre disponibile un contenitore da viaggio di design stampato in 3D di grande appeal, pensato per durare a lungo.

Flaconi da plastica 100% riciclata anche per Yves Rocher

L’azienda cosmetica produce circa 135 milioni di flaconi ogni anno per i suoi prodotti di bellezza. In anticipo rispetto alle normative europee Yves Rocher ha lavorato in questi anni per avere, entro il mese di ottobre 2020, tutti i flaconi prodotti presso i suoi siti produttivi in plastica Pet.

Un packaging con il 100% di plastica riciclata e riciclabile per migliorare l’impatto ambientale e diventare parte attiva nella riduzione dell’inquinamento.

L’obiettivo del brand è quello di ridurre al massimo l’utilizzo di plastica impiegata nei propri packaging entro il 2025.

Più naturale e sostenibile la linea cosmetica pediatrica di Suavinex

Suavinex ha impostato i propri processi di sviluppo produttivo su criteri basati sull’utilizzo di ingredienti di origini naturale e sulla massima riduzione di plastiche e imballi non essenziali.

Una responsabilità evidente nella realizzazione della nuova linea cosmetica dedicata a neonati e mamme, realizzata con formulazioni che prevedono l’utilizzo tra l’86% e il 96% di ingredienti di origine naturale.

Inoltre è stata posta una grande attenzione anche al tema del package e degli imballaggi, che hanno un impatto significativo sul footprint ambientale dei prodotti.

Per questo motivo, la linea cosmetica pediatrica di Suavinex utilizza eco-pack a base biologica completamente riciclabili, realizzati con materie prime rinnovabili ricavate dalla canna da zucchero da fonti sostenibili.

Condividi: