Home Eco Lifestyle Che soddisfazione inventare innestinell’orto

Che soddisfazione inventare innestinell’orto

pubblicato il:

Gli innesti: ecco un tema che fa felice chi cura un orto. Se poi l’esperimento riesce si è due volte soddisfatti. Questa storia ce la racconta Angelo Sacchetto di Castel di Sangro in provincia di L’aquila.

Siamo in Abruzzo in quei borghi a 800 metri sul livello del mare. Probabilmente molti dei 6.000 abitanti di Castel di Sangro hanno un orto, ma quello di Angelo è veramente un piccolo paradiso talmente è curato.

Sono tutti trucchi ereditati da mio nonno – racconta assicurando che usa solo metodi naturali – Inizio il trattamento del terreno a ottobre arando e concimando con stallatico naturale. Ad aprile due passate di motocoltivatore per raffinare il terreno e dopo si impiantano i vari ortaggi seminati in semenzaio in inverno e fatti crescere nella mia serra“.

Intorno ai primi di maggio si inizia il trapianto nell’orto esterno. Si inizia fin da subito a trattare le piantine solo ed esclusivamente con prodotti biologici (olio di neem puro, macerato di ortica o piretro) ogni 15-20 giorni e irrigando tutte le sere.

Da quest’anno Angelo ha introdotto la pacciamatura e l’innesto.

La patata, si sa in queste situazioni è regina. E ancora una volta non ha tradito la sua nomea. Così, Angelo ci scrive: “Un giorno ho pensato di provare a fare un innesto con una femminella dei miei pomodori di Datterino arancione, tenendo la patata sotto terra e i pomodori in superficie“.

innesto

Dopo aver preso una femminella, Angelo l’ha adagiata in un contenitore con acqua e ha aspettato che cacciasse le radici: “poi ho preso una patata l’ho incisa e ho fatto l’innesto con inserendo le radici sviluppate. Quindi, ho interrato la patata in un vaso“.

Con il passare dei giorni “vedevo che la piantina di pomodoro cresceva senza problemi e mi ritenevo soddisfatto perché significava che l’innesto era andato a buon fine“.

Rimaneva un dubbio: ovvero se la piantina riuscisse a far nascere i pomodori. I fiori spuntati poco dopo erano già un buon auspicio. E difatti, in piena estate la pianta di pomodoro ha dato i suoi frutti.

Ma non è finita qui: “nel mese di settembre – racconta ancora Angelo – la pianta ha cominciato a seccare e così l’ho sradicata come da prassi, ma ero curioso se sotto terra fossero nate anche le patate“.

La sorpresa non è mancata sotto la terra il vaso nascondeva un sacco di patate. Insomma, l’innesto era veramente riuscito.

I processi innovativi: l’innesto erbaceo

A parte chi lo fa in casa e per diletto come Angelo, l’innesto rappresenta oggi certamente una delle più importanti innovazioni dell’industria orto-vivaistica. Lo afferma un ente accreditato come il Cnr – Istituto di Genetica Vegetale di Bari.

Il successo è da ricondurre a numerosi vantaggi quali: la possibilità di coltivare materiale genetico di notevole pregio qualitativo (sia cultivar selezionate che ecotipi locali) anche se privo di resistenze genetiche a patogeni e parassiti, l’eliminazione e/o la riduzione dei trattamenti chimici e, quindi l’ottenimento di prodotti più salubri, l’incremento della tolleranza ad avversità abiotiche (salinità, ristagni idrici, alte e basse temperature), l’aumento dell’efficienza d’uso dei nutrienti e dell’acqua, il controllo della vigoria della pianta e l’incremento della produzione. Malgrado i molteplici vantaggi la percentuale di piante innestate sul totale delle piante impiegate è ancora relativamente contenuta; ciò è da ricondurre ad alcuni limiti legati al maggior costo delle piantine, alla necessità di dover validare preliminarmente le più idonee combinazioni nesto/portinnesto, a una incompleta resistenza alle condizioni di stress, alla rapida obsolescenza dell’effetto limitato a un solo ciclo di coltivazione.

D’altra parte in condizioni di campo, il comportamento delle piante innestate non è sempre facilmente prevedibile – avvisa il Cnr – poiché rappresenta l’effetto congiunto della tolleranza nei confronti dell’organismo patogeno e della capacità del sistema radicale di influenzare la crescita degli organi epigei.

Non vanno poi tralasciati i riflessi, talora negativi, registrati a carico delle principali caratteristiche di qualità dei frutti, che molte volte possono essere appariscenti ma con scarso sapore.

Ma per fortuna questa volta l’innesto di Angelo non ha creato problemi.

Condividi: