Home Green Jobs Sempre più Utility vicine agli studenti durante le ore di educazione civica...

Sempre più Utility vicine agli studenti durante le ore di educazione civica ambientale

pubblicato il:
educazione civica ambientale

Sorgenia ed E.On sono attive nel supportare con progetti di educazione civica ambientale – scientifici e creativi – le scuole italiane. Ecco cosa propongono quest’anno

L’educazione civica ambientale è entrata nelle scuole con le fatidiche 33 ore: alcuni dicono che sia troppo poco, altri che il momento è poco adatto per fare cambiamenti nei piani di studi.

Ai docenti comunque non manca l’appoggio delle aziende che lavorano nel settore della Sostenibilità. Utility in testa.

Sorgenia e l’orientamento ai temi energetici

Sorgenia ha deciso di supportare gli studenti in orientamento ai temi energetici. Così, l’azienda ha messo a disposizione  venti borse di studio per chi affronterà quest’anno la maturità.

Per partecipare alla selezione dovranno assicurare di scegliere un percorso di studi universitari su temi ambientali e legati alla sostenibilità.

Le future matricole di facoltà che formano professionisti capaci di agire concretamente per l’affermazione di uno sviluppo sostenibile (Scienze ambientali, Ingegneria ambientale, Politiche ambientali, Economia per l’ambiente e la sostenibilità e altri corsi analoghi) potranno candidarsi a partire dal 3 novembre fino al 28 febbraio 2021 sulla pagina web dedicata.

Sarà costituita un’apposita giuria che individuerà i vincitori delle borse di studio, cui sarà data anche l’opportunità di fare uno stage in Sorgenia.

Educazione civica ambientale, il supporto alle scuole di E.On

Anche E.On prosegue con le sue attività di supporto alle scuole. Il cappello è il progetto Odiamo Gli Sprechi.

Alle prime 150 classi che prenderanno parte al progetto quest’anno sarà consegnato un planisfero realizzato in tessuto con tecnologia theBreath, che filtra l’aria da sostanze inquinanti e batteri: un gesto di attenzione verso la salute dei più piccoli, che rispecchia l’impegno di E.On per la riduzione delle emissioni nell’atmosfera grazie alla promozione delle energie rinnovabili.

Agli studenti delle scuole coinvolte direttamente sarà spedito un kit personale per toccare con mano, gli argomenti trattati attraverso i materiali digitali.

All’interno del percorso, le scuole potranno anche partecipare alla sfida #OdiamoGliSprechi… del sapere: i partecipanti dovranno realizzare un progetto innovativo dedicato alla scuola stessa e coloro che si saranno distinti avranno l’opportunità di partecipare alla premiazione finale.

Condividi: