Home Eco Lifestyle Biancheria e homewear ecologici: sostenibilità per la casa

Biancheria e homewear ecologici: sostenibilità per la casa

pubblicato il:
biancheria sostenibile

Passiamo più tempo fra le mura domestiche cercando di renderle il più confortevoli possibili. Qualche consiglio per scegliere biancheria e homewear ecologici

Le nostre abitudini sono cambiate. Il lockdown prima e ora le restrizioni, il coprifuoco serale, le ridotte occasioni sociali, la mancanza delle cene al ristorante, la chiusura di cinema e teatri, fanno sì che la maggior parte del tempo libero lo viviamo in casa.

Sono a rischio anche le festività natalizie per una necessaria prudenza e cautela nello sforzo di contenimento dei contagi. La vita domestica dunque acquista un’importanza sempre maggiore e si cerca di vivere al meglio nel proprio nido.

Un esempio è quello di Ikea che nell’ultimo anno ha aumentato le vendite di mobili e attrezzature proprio per rendere più confortevoli le abitazioni, trasformate in moltissimi casi anche in luoghi di lavoro e di studio.

Altri prodotti su cui si concentra l’attenzione sono la biancheria per la casa e l’homewear, l’abbigliamento più indossato di questi tempi.

Tessuti ecologici, massimo comfort

Ci sono tante linee di biancheria e leisurewear e alcune sono realizzate con prodotti naturali e all’insegna della sostenibilità per garantire sicurezza e massimo comfort sulla pelle.

Fra questi Mydo.World, giovane luxury brand presentato recentemente a Milano che produce collezioni in tessuti pregiati, naturali e organici per il mondo letto, bagno, tavola e abbigliamento leisurewear uomo, donna e bambino.

Tutti i prodotti sono realizzati in materiali certificati e biodegradabili, così come la filiera produttiva è sostenibile.

Tra le fibre naturali utilizzate per queste collezioni ci sono la canapa, fibra dal ridotto impatto ambientale a partire dalla coltivazione, morbida, anallergica, antibatterica e grazie alla sua struttura tubolare, isolante per proteggere il corpo dal caldo e dal freddo.

Oltre alla canapa Mydo.World utilizza per i suoi capi altre fibre tessili naturali come bambù, ortica, cotone e lino organico e fibre derivate dalle alghe. Il packaging è progettato per essere riutilizzato all’infinito.

Un’altra azienda che produce biancheria per la casa e loungewear è Slow Nature, nata nel 2018. Le sue collezioni sono in cotone biologico certificato e sono vendute sul portale che negli anni è diventato shop online multimarca, per offrire una selezione di abbigliamento green che spazia dall’intimo allo sportwear, fino agli accessori.

Slow Nature ha un’ampia proposta di abbigliamento da notte in cotone biologico Prima peruviano, fine e pregiato, adatto anche alle pelli più sensibili.

La biancheria da notte firmata AlgoNatural è realizzata anch’essa con tessuti biologici. Tra i tessuti naturali proposti c’è anche il Lyocell, derivato dalla lavorazione delle fibre di eucalipto, oltre a cotone, bambù, canapa.

I pigiama da donna, morbidi e confortevoli, sono in tessuto a coste sottili in cotone organico al 100%, certificato Gots (Global Organic Textile Standard). Hanno un taglio femminile con coulisse in vita, bordi all’uncinetto, stampe e motivi a righe.

AlgoNatural nasce nel 2015 a Udine come negozio specializzato nell’abbigliamento sostenibile e le sue collezioni sono presenti sullo store online. Particolare attenzione è rivolta anche all’abbigliamento biologico per neonati e bambini.

Sempre made in Italy è il marchio CasaGin specializzato in abbigliamento intimo e sportivo, abbigliamento da casa e underwear. I prodotti sono realizzati interamente in Italia e sono certificati con lo standard 100 by Oeko-Tex che garantisce sicurezza per l’ambiente e per la salute del consumatore.

Gabel, storica azienda di biancheria per la casa da molti anni ha intrapreso la strada della sostenibilità. Quest’anno ha aggiunto ad altre sue linee ecologiche, Ethos di Gabel1957 che comprende collezioni di completi letto e bagno in puro cotone certificato Gots, trapunte e accessori letto in cotone, lana, kapok e lattice, materiali rigenerati come piuma e poliestere con certificazione Grs.

Attenzione anche al packaging che è 100% naturale ed ecologico in cartone certificato Fsc e Pefc (carta ottenuta da foreste gestite responsabilmente), mentre le buste sono in mater-bi.

Silvia Massimino Silvia Massimino: è convinta che le scelte di tutti i giorni possono fare la differenza. Da tanti anni si occupa di moda, in particolare di moda sostenibile, per informare e comunicare gli sviluppi del settore; è stata attivista per i diritti degli animali, altra sua grande passione | Linkedin
Condividi: