Home Imprese Sostenibili Legge di Bilancio 2021, tutti i bonus per l’ambiente

Legge di Bilancio 2021, tutti i bonus per l’ambiente

pubblicato il:
legge di bilancio 2021
Foto di Tumisu da Pixabay

Abbiamo analizzato la Legge di bilancio 2021 per evidenziare tutte le buone notizie che riguardano l’ambiente e la crescita sostenibile: le vediamo in dettaglio in questo articolo

Con la Legge di Bilancio 2021 – in Gazzetta Ufficiale è la legge 30/12/2020 n.178 – sono stati confermati gli incentivi per l’acquisto delle auto elettriche, di particolare interesse quelli introdotti a favore delle persone con un Isee inferiore a 30mila euro, il superbonus 110%, ecobonus e bonus verde.

Vediamo con maggiore dettaglio alcune agevolazioni introdotte per la prima volta nel nostro ordinamento e altre che spesso passano inosservate.

Fondo per il risparmio di risorse idriche

È stato introdotto un bonus di 1.000 euro per ciascun beneficiario (persone fisiche residenti in Italia), da utilizzare entro il 31 dicembre 2021. Lo stanziamento complessivo per il 2021 ammonta a 20 milioni di euro.

Il bonus idrico potrà essere utilizzato per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

Entro la fine del mese di febbraio saranno rese note le modalità di fruizione del bonus.

Credito di imposta per il filtraggio dell’acqua potabile

Il beneficio intende razionalizzare l’uso dell’acqua e ridurre il consumo di contenitori di plastica per acque destinate a uso potabile. È destinato alle persone fisiche, ai soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni e agli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

Il periodo di fruizione va dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022, mentre la misura ammonta al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E 290, per il miglioramento qualitativo delle acque destinate al consumo umano erogate da acquedotti.

C’è un limite che per le persone fisiche non esercenti attività economica non può essere superiore a 1.000 euro per ciascuna unità immobiliare e, per gli altri soggetti, a 5.000 euro per ciascun immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale.

L’Agenzia delle Entrate comunicherà entro la fine di febbraio le modalità per la fruizione del beneficio. Occorrerà comunque effettuare una comunicazione all’Enea affinché possa essere monitorato l’impatto ambientale delle misure, analogamente a quanto avviene per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Risparmio dell’acqua

Previsto un fondo per la promozione dell’uso consapevole dell’acqua. Sarà destinato a finanziare campagne informative per gli utenti del servizio idrico integrato. La dotazione ammonta a 500mila euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022.

Entro la fine di febbraio saranno rese note le modalità di utilizzo del fondo.

Promozione della mobilità sostenibile: Bonus cargo Bike

È stato inoltre istituito un credito di imposta fino a un massimo del 30% per l’acquisto di cargo bike di importo massimo pari a 2.000 euro. Il bonus è riconosciuto anche per cargo bike a pedalata assistita che potranno essere dotati di un pulsante che permetta di attivare il motore anche a pedali fermi, purché con questa modalità il veicolo non superi i 6 km/h.

Lo stanziamento complessivo ammonta a 2 milioni ed entro la fine di febbraio saranno rese note le modalità di fruizione del beneficio.

Futuro delle città e rimboschimento

È stata istituita la Fondazione per il futuro delle città, il cui compito è quello di promuovere il progresso della ricerca e dell’alta formazione basata su soluzioni prevalentemente vegetali, per garantire lo sviluppo del sistema produttivo nazionale in relazione alla transizione verde dell’Italia.

La fondazione sarà chiamata a instaurare rapporti con organismi omologhi in Italia e assicurare l’apporto di ricercatori italiani e stranieri operanti presso istituti italiani ed esteri di eccellenza.

Per garantire l’operatività della fondazione è prevista una dotazione di 5 milioni di euro per l’anno 2021 e di 3 milioni di euro annui per gli anni 2022 e 2023.

Nel corso del 2021 sarà avviato un piano sperimentale di impianto di alberi per la creazione di foreste urbane e periurbane, nelle città metropolitane. A tale scopo sono stati stanziati 3 milioni di euro.

Parchi nazionali e aree marine protette e parchi sommersi

Per la gestione e al funzionamento dei parchi nazionali sono stati destinati 6 milioni di euro a partire dal 2021 e ulteriori 3 milioni euro annuali per lo stesso scopo alle aree marine protette e ai parchi sommersi.

Accordo con il settore della raffinazione e della bioraffinazione

Entro marzo 2021 il Ministero per lo Sviluppo Economico è chiamato ad attivare la procedura per la stipula di un accordo con il settore della raffinazione e della bioraffinazione.

L’obiettivo è promuovere lo sviluppo industriale e occupazionale nelle regioni del Mezzogiorno attraverso la realizzazione di iniziative finalizzate alla transizione energetica e allo sviluppo sostenibile da parte di aziende operanti nel settore della raffinazione e della bioraffinazione.

Al momento non vi sono specifici stanziamenti di risorse che saranno invece allocate nell’ambito della legge di bilancio dei prossimi anni.

Fondo per la crescita sostenibile

Sarà rifinanziato il fondo per la crescita sostenibile di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022. Le risorse sono destinate alla:

  1. promozione della nascita e dello sviluppo delle cooperative attraverso finanziamenti agevolati (misura cosiddetta Nuova Marcora)
  2. sostenere l’occupazione attraverso la nascita e lo sviluppo di imprese cooperative di lavoro e sociali

Altro obiettivo del fondo è quello di assicurare la riconversione e la riqualificazione produttiva delle aree di crisi industriale. A tale scopo vengono previsti ulteriori stanziamenti: 140 milioni per l’anno 2021, 100 milioni per l’anno 2022 e 20 milioni per ciascuno degli anni dal 2023 al 2026.

Condividi: