Home Imprese Sostenibili Nuovi investimenti europei nella Blue economy

Nuovi investimenti europei nella Blue economy

pubblicato il:
blue economy

Dall’Europa in arrivo due fondi per favorire lo sviluppo di progetti per migliorare la salute degli oceani, creare ambienti costieri più forti e resilienti e migliorare la sostenibilità delle attività connesse

A poco più di un anno dall’uscita del bando europeo a favore dei mari e degli oceani, L’economia blu per le Pmi, l’Unione europea è di nuovo in prima linea per intensificare gli investimenti per la tutela e lo sviluppo di un’economia in crescita sempre più blu, un tema focale della finanza responsabile.

Ecco quindi arrivare altri 75 milioni di euro di liquidità provenienti dalla Banca europea per gli Investimenti (Bei),  attraverso l’iniziativa pilota BlueInvest di cui già 45 milioni di euro dei complessivi 75 milioni di euro, sono appena stati impegnati per due nuovi fondi specializzati nel sostegno alla blue economy, Astanor Ventures e Blue Horizon Ventures.

I due fondi dovranno favorire lo sviluppo di progetti che riescano a migliorare la salute degli oceani, creare ambienti costieri più forti e resilienti e migliorare la sostenibilità delle attività connesse agli oceani, attraverso la collaborazione di imprese, città, e governi degli Stati membri, Italia inclusa.

In quanto fondo bancario europeo, BlueInvest è gestito dal Fondo europeo per gli investimenti (Fei) ed è finanziato dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (Feis), il pilastro finanziario del Piano di investimenti per l’Europa, il famoso Piano Juncker, che nella programmazione europea 2021-2027 è sostituito dal programma InvestEU.

E nella logica della sempre maggiore sinergia tra fondi, ai già citati 45 milioni di euro della Bei, si aggiungono i 40 milioni di euro messi a disposizione dal Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l’acquacoltura (Feamp) nell’ambito del bilancio europeo 2021-2027, per sostenere lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti, tecnologie e servizi nuovi, innovativi e sostenibili.

L’intervento di questi fondi permetterà di sostenere anche i progetti delle startup che sviluppano prodotti, materiali e servizi innovativi a tema blue economy.

A conferma delle buone intenzioni dell’Ue verso un’economia che si colora di blu, si concretizzeranno nei prossimi mesi altri tre investimenti in fondi, grazie all’intervento congiunto tra il BlueInvest Fund e lo strumento finanziario InnovFin Equity, nell’ambito di Horizon Europe, il nuovo programma per la ricerca e l’innovazione.

L’obiettivo è di riuscire a mobilitare oltre 300 milioni di euro in investimenti, entro il 2027, anno di chiusura del nuovo bilancio europeo, per iniziative innovative e sostenibili attive nell’ambito della blue economy e che si devono concretizzare in aree di investimento che spaziano dalla trasformazione digitale delle attività costiere, allo sviluppo delle energie rinnovabili, dal monitoraggio dell’inquinamento delle acque, alla promozione del turismo sostenibile, fino alla bio-economia blu per la coltivazione, l’allevamento o la cattura di materiale vivente da acqua dolce o salata e le attività basate sull’uso o la loro lavorazione.

Perché l’Ue investe fortemente nella Blue economy?

Un’economia blu può essere più sostenibile anche grazie a un’intensa iniezione di nuovi fondi, come il BlueInvest Fund che possono aiutare i cittadini e le industrie colpiti dalla pandemia o dalla migrazione dei lavoratori chiave per il settore, a risollevarsi e a ripartire attraverso un’economia più resiliente, con un’impronta ecologica e ambientale e una possibile competitività su scala globale.

Gli investimenti nell’economia blu hanno una duplice valenza positiva: da un lato sostengono lo sviluppo di un comparto in cui operano numerose imprese di settori diversi che mirano tutte sulla risorsa blu; dall’altro la crescita di imprese capaci di sviluppare prodotti e servizi innovativi che puntano con attenzione al raggiungimento degli obiettivi del Green Deal.

Il settore, infatti, può svolgere un ruolo importante nella transizione verso un’economia neutra in termini di emissioni di carbonio entro il 2050.

Condividi: