Home Eventi Il Green che fa bene alla salute e crea lavoro

Il Green che fa bene alla salute e crea lavoro

pubblicato il:
convegno myplant&garden

Sono sempre di più le persone che credono nella svolta Green: anche Giovanni Storti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo. Vi aspettiamo al digital panel di lunedì 15 febbraio dove potrete approfondire un tema che traina benessere ed economia: l’utilizzo delle piante attorno a noi

Abbiamo bisogno di dare aria buona ai nostri polmoni. Sia dentro che fuori casa. In ufficio, nelle fabbriche. Ovunque. È un must. Per fortuna i progetti non mancano e durante il digital panel di lunedì 15 febbraio (ecco i dettagli per iscriversi gratuitamente e seguire la diretta) faremo il punto con relatori di eccezione.

Come Giovanni Storti – sì proprio quello del trio Aldo Giovanni e Giacomo – che sta appoggiando da un po’ di tempo a questa parte diverse attività ambientali.

Come quella della Fabbrica dell’aria, un progetto del botanico Stefano Mancuso che come direttore del Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale ha progettato con il contributo di Pnat – società multidisciplinare di ricercatori, biologi, designer, ingegneri e architetti – la Fabbrica dell’Aria, un’installazione che aumenta in maniera esponenziale la capacità naturale delle piante di rimuovere gli inquinanti negli spazi abitativi, commerciali e di lavoro.

Ora la Fabbrica dell’Aria è arrivata a Milano nella sede di Green Media Lab e ci collegheremo per capire meglio di cosa si tratta.

locandina tempo di green

Saremo intanto all’evento digitale che Edizioni Green Planner ha organizzato con Myplant&Garden: siamo attratti dal verde perché è un elemento naturale come ci spiegherà Giuseppe Barbiero, docente universitario di ecologia sostenitore della tesi legata alla biofilia.

Ecco che avrà ancora più forza il progetto dell’eurodeputato Marco Zullo NatureCallsNAture, così come quello che il presidente di Sima, Società italiana medicina ambientale: in entrambi i casi gli studi mostrano come qualsiasi spazio di lavoro o vita deve diventare Green.

A cominciare dalle scuole (per questo sono invitati a seguire l’incontro professori e studenti cui riserveremo i crediti di Pcto).

L’incontro che abbiamo programmato ci darà modo anche di approfondire come le tematiche ambientali abbiano degli importanti risvolti economici. E siano volano di una professione: quella legata agli ortoflorovivaisti.

Sarà con noi, infatti, anche la più importante filiera del verde del nostro Paese: il consorzio Myplant&Garden. Gianpietro D’Adda, presidente del Consorzio, metterà in luce le potenzialità del comparto che sta reagendo alla crisi pandemica con molta determinazione (anche se l’annuale appuntamento legato alla fiera di Myplant&Garden è saltato – come d’altra parte tutte le fiere – e ora dà appuntamento all’edizione 2022).

L’intervento di Stefano Pagano, esperto di giardinaggio e blogger di greenplanner.it metterà in luce quali piante scegliere per assicurarsi un effetto depurazione degli interni, mentre Riccardo Casalegno, presidente del Parco Segantini di Milano mostrerà un esempio di bonifica del territorio e collaborazione dei cittadini: un valore sociale ed economico da non sottovalutare.

Vi aspettiamo all’incontro dove potrete inviare domande in diretta anche dai canali Facebook e Youtube di Green Planner.

Condividi: