Home Imprese Sostenibili Engie Eps delinea la roadmap verso il 2023, tra storage dell’energia ed...

Engie Eps delinea la roadmap verso il 2023, tra storage dell’energia ed e-mobility

pubblicato il:
Technology Revolution Day - engie eps

In un evento online dallo stabilimento di Cosio Valtellina, Engie Eps ha presentato le nuove soluzioni tecnologiche per indirizzare le esigenze – in crescita – dei settori dell’Energy Storage e dell’e-mobility

La prima roadmap tecnologica Engie Eps la presentò nel corso del suo processo di quotazione in borsa, nel 2015, insieme a una delle prime batterie a idrogeno sviluppate nel mondo – ElectroSelf.

Negli obiettivi di quella strada tecnologica da portare a termine c’era una tecnologia ibrida, integrata verticalmente in un’architettura aperta, capace di integrare energie rinnovabili e batterie o anche idrogeno, con la rete nazionale, la generazione diesel o anche le centrali termiche: HyEss.

Con l’ambizione di affrontare, in modo scalabile, il mercato dell’accumulo di energia e le applicazioni off-grid. Cosa realizzata e annunciata due anni dopo, lanciando la roadmap 2020 che prevedeva sistemi avanzati di stoccaggio ma anche passi decidsi a supporto della mobilità elettrica, con progetti relativi a Vehicle-to-Grid e Fast charge.

Nel 2023, Engie Eps, ha voluto indicare nel corso del Technology Revolution Day la direzione del suo prossimo posizionamento tecnologico – ovvero Energy Storage ed eMobility – proprio dal luogo in cui trasforma le sue soluzioni innovative in prodotti industriali.

Move, Store, Convert & Connect e Control, quattro famiglie tecnologiche di prodotti e soluzioni per facilitare lo sviluppo dell’accumulo di energia e della mobilità elettrica.

Ambiti che richiedono innovazioni perché, nei prossimi anni, gli peratori elettrici dovranno affrontare una vera rivoluzione per permettere a milioni di veicoli di viaggiare e ricaricarsi in tempi sempre più ristretti, con autonomie sempre più elevate.

Un cambio di paradigma che dovrà rendere ancora più esplicito il link tra energy storage ed e-mobility, rivoluzionando l’attuale scenario delle reti elettriche per renderlo più smart, connesso e integrato al sistema stesso di mobilità.

Come dimostra già oggi il il progetto pilota Vehicle-to-Grid (V2G) di mobilità elettrica installato presso lo stabilimento Mirafiori di Torino. La tecnologia V2G consente ai veicoli di scambiare energia in maniera intelligente con la rete, rendendoli una risorsa preziosa per il sistema elettrico nazionale.

Il Vehicle-to-Grid rappresenta un’opportunità per ottimizzare i costi di esercizio delle vetture ma anche un mezzo per realizzare un sistema elettrico più affidabile, efficiente e sostenibile.

Condividi: