Home Imprese Sostenibili Caffè verde e “circolare”: così la Trucillo accetta la sfida

Caffè verde e “circolare”: così la Trucillo accetta la sfida

pubblicato il:
trucillo caffé

L’azienda salernitana Trucillo ha intrapreso il percorso per certificare la propria produzione di caffè con il Global Initiative Sustainability Reporting Standards. Tutta questione di cultura e di come la si sa trasmettere

Quanto è verde e “circolare” una tazzina di caffé? Tanto se è quella di Trucillo, l’azienda salernitana che da tempo ha messo in cantiere operazioni di efficientamento e di economia circolare sulla realtà produttiva.

Fotovoltaico in primis che consente all’intera sede principale di essere autosufficiente per oltre il 75% del fabbisogno energetico.

Altra azione verde: l’impianto brucia fumi che migliora la qualità e diminuisce la quantità delle sostanze immesse in atmosfera durante il processo di tostatura, in quanto il fumo viene bruciato per non essere immesso nell’atmosfera, bensì viene fatto fuoriuscire come vapore acqueo per non inquinare.

Ed è bello spere che nel team ci siano tre donne. Mamma e figlie. Che lavorano gomito a gomito anche con i Trucillo uomini (padre e figlio).

Marketing, cultura e comunicazione sono affidate a Fausta Colosimo, moglie di Matteo Trucillo, Antonia ed Andrea Trucillo.

Le abbiamo incontrate per la rubrica Pink&Green perché da loro l’economia circolare si fa anche nel passaggio generazionale. Che come sappiamo non sempre è un aspetto semplice da gestire.

Quindi: passaggio generazionale ben equilibrato, ricerca tecnologica per gestire al meglio gli scarti (come il progetto Circo citato da Antonia. I numeri del Silverskin prodotto in Trucillo sono importanti: circa circa 40 tonnelate su una produzione di 2.000 tonnellate all’anno di caffè lavorato) e innovazione tecnologica.

Abbiamo deciso di stilare il Report di Sostenibilità – ci svelano Antonia e Andrea che con il fratello Cesare hanno deciso di seguire il Global Initiative Sustainability Reporting Standardsper raccontare e mettere in evidenza le performance e i progressi che l’azienda ha raggiunto in termini di Sostenibilità“.

E così, il report evidenza che tutta l’oggettistica monouso utilizzata all’interno dell’azienda è stata completamente sostituita con materiale riciclabile e biodegradabile, divenendo 100% plastic free.

“Ci poniamo come obiettivo collaterale di aiutare e supportare anche i nostri clienti ad affrontare questo cambiamento – proseguono le TrucilloInoltre, seppure abbiamo già introdotto in parte la mobilità elettrica, uno degli obiettivi più ambiziosi per noi consiste nel rinnovare progressivamente l’intera flotta aziendale, rendendola interamente ecofriendly“.

Tra le sfide anche quella di diffondere la cultura del vero espresso italiano: è questa la linea di Fausta che già nel 1998 ha dato vita all’Accademia Trucillo, una vera e propria scuola del caffè:” oltre a cercare di valorizzare sempre più il territorio in cui opera. Continueremo infatti a investire nella formazione dei nostri collaboratori e di tutti i partner che ci scelgono. continuare a combattere la discriminazione di genere. Garantire a tutto il personale pari opportunità, investire sui giovani e combattere la discriminazione sono la nostra priorità, la cui attenzione è volta alla costruzione di un contesto lavorativo sempre più prosperoso e sostenibile nel tempo“.

Rendicontare gli aspetti ambientali e sociali, in Trucillo, significa attenersi all’impegno di trasparenza nei confronti degli attori interni ed esterni e rappresenta uno stimolo per migliorare costantemente. Come è giusto che sia.

Condividi: