Home Smart City Herathon, parte la sfida per ripensare la città

Herathon, parte la sfida per ripensare la città

pubblicato il:
herathon
Foto di Myriams-Fotos da Pixabay

Il 3 giugno si svolgerà Herathon, la sfida online per entrare a far parte del GenHeration on board, il team che avrà il compito di ripensare la città sostenibile del futuro. Ecco le modalità di partecipazione

Al via la competizione per sfidarsi in tema ambiente: Herathon, la maratona di idee che avrà luogo il 3 giugno in live-streaming.

L’iniziativa intende creare un team – il GenHeration on board – con l’obiettivo di ripensare la città sostenibile del futuro.

A partire dal 12 maggio fino all’ultimo giorno lavorativo utile – in questo caso il 1° giugno – sarà possibile iscriversi online all’iniziativa.

Ogni candidato ha la possibilità di presentare domanda in un team solitario o in un gruppo composto da un numero di persone variabile da 2 a 4.

Saranno ammesse un totale di 50 squadre e qualora si raggiungesse prima il limite di formazioni consentito, le iscrizioni verranno chiuse in anticipo.

L’hackathon, promosso dal gruppo Hera, che da anni si interessa alle tematiche ambientali, è rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 20 e i 28 anni residenti o abitanti nelle province di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Ravenna e Rimini.

10 ore in cui ogni team avrà il compito di confrontarsi e sfidarsi alla ricerca della soluzione più sostenibile su un tema che verrà reso noto solo all’inizio della competizione.

Stile, diversità e vocazione: queste le principali caratteristiche a cui ogni candidato deve tenere fede. Raccontare, disegnare, sviluppare o progettare: qualsiasi ambito, dall’arte all’architettura all’economia può essere quello giusto, ce n’è per tutti i gusti.

Alla fine della gara la giuria, guidata dall’architetto Mario Cucinella, selezionerà le 6 proposte migliori. I membri dei 6 team vincitori entreranno a far parte del GenHeration on board collaborando, assieme a Cucinella, alla ricerca di idee innovative per ricostruire la città sostenibile del futuro.

Oltre a questo, ogni vincitore riceverà in premio un monopattino elettrico. Un’occasione per divenire artefici di un futuro che vedrà come protagonisti i partecipanti stessi, un modo per ridisegnare l’assetto ambientale, sociale ed economico dei nostri luoghi.

Ristabilire l’equilibrio di un pianeta ormai alla deriva: pronti a far viaggiare la mente alla ricerca di idee.

(testo redatto Nicole Bianchi)

Condividi: