Home Green Jobs Juvenes Translatores, al via il concorso per giovani traduttori dell’Ue

Juvenes Translatores, al via il concorso per giovani traduttori dell’Ue

pubblicato il:
juvenes translatores
Foto di CoxinhaFotos da Pixabay

La domanda che ogni traduttore si pone è “come faccio a rendere bene il messaggio?” Una buona traduzione deve avere sul lettore lo stesso impatto del testo originale: ecco il senso del concorso Juvenes Translatores che premia i migliori giovani traduttori dell’Unione europea

Torna ai nastri di partenza Juvenes Translatores, il concorso di traduzione della Commissione europea aperto agli studenti delle scuole superiori, che possono iscriversi online attraverso la propria scuola.

Il tema dei testi che i ragazzi tradurranno quest’anno è In partenza… verso un futuro più verde. I partecipanti potranno scegliere da quale a quale delle 24 lingue ufficiali dell’Ue desiderano tradurre.

Nell’edizione dello scorso anno gli studenti hanno scelto ben 150 combinazioni linguistiche diverse (le combinazioni linguistiche possibili sono in totale 552).

Juvenes Translatores, obiettivo promuovere l’apprendimento delle lingue nelle scuole

Ogni anno dal 2007 la direzione generale della Traduzione della Commissione europea organizza il concorso Juvenes Translatores (giovani traduttori) con l’obiettivo di promuovere l’apprendimento delle lingue nelle scuole e di consentire ai giovani di provare che cosa significa fare il traduttore.

Il concorso, aperto agli studenti diciassettenni delle scuole secondarie superiori, si svolge contemporaneamente in tutti gli istituti dell’Ue selezionati.

Juvenes Translatores ha ispirato e incoraggiato alcuni dei partecipanti a proseguire gli studi linguistici a livello universitario e a diventare traduttori professionisti e consente di mettere in evidenza il ricco patrimonio linguistico dell’Unione europea.

Per Johannes Hahn, commissario per il Bilancio e l’amministrazione, “L’obiettivo del concorso è incoraggiare i giovani a considerare la carriera di traduttore e, in generale, promuovere l’apprendimento delle lingue. Il tema è in linea con una delle priorità politiche più importanti dell’Ue, il Green Deal europeo, che riguarda da vicino i giovani.

Oltre ad affrontare questo tema interessante, l’obiettivo del concorso è riunire giovani di diversi paesi appassionati di lingue, incoraggiandoli e aiutandoli a superare le barriere tra le persone e le culture. La capacità di comunicare con gli altri e di comprendersi a vicenda, indipendentemente dalle differenze, è fondamentale affinché l’Ue possa prosperare“.

L’iscrizione delle scuole – che costituisce la prima parte della procedura in due fasi – è aperta fino alle ore 12 del 20 ottobre 2021. Per iscrivere la scuola, gli insegnanti possono usare una delle 24 lingue ufficiali dell’Ue (informazioni e iscrizioni online).

La Commissione europea inviterà 705 scuole a partecipare alla fase successiva. Il numero delle scuole partecipanti di ciascun paese corrisponde al numero di seggi del Paese al Parlamento europeo. La procedura di selezione delle scuole è automatizzata e casuale.

Le scuole selezionate sceglieranno un massimo di 5 studenti che parteciperanno al concorso. Gli studenti possono essere di qualsiasi nazionalità, ma devono essere nati nel 2004.

Il concorso si svolgerà online il 25 novembre 2021 in tutte le scuole partecipanti. I vincitori, uno per Paese, saranno annunciati all’inizio di febbraio 2022.

Se la situazione lo consentirà, la premiazione avverrà nella primavera del 2022 nel corso di una cerimonia che si terrà a Bruxelles, dove i vincitori avranno anche la possibilità di incontrare i traduttori della Commissione europea e di saperne di più sul lavoro dei linguisti.

Condividi: