Home Imprese Sostenibili Gli agricoltori in prima fila per la lotta al cambiamento climatico

Gli agricoltori in prima fila per la lotta al cambiamento climatico

pubblicato il:
progetto geco2 - crediti co2
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Il settore agricolo è uno di quelli più critici e interessati dalla lotta al cambiamento climatico e dalle emissioni di CO2

La cooperazione tra agricoltori e istituzioni diventa fondamentale per creare un sistema che valorizzi le pratiche sostenibili e possa essere, allo stesso tempo, un aiuto verso i produttori che non sono riusciti ancora a raggiungere l’obiettivo positivo di riduzione e controllo delle emissioni di CO2.

Con questo spirito nasce il progetto europeo Geco2 (Green economy and CO2) che vede le regioni adriatiche tra Italia e Croazia impegnate a costruire un mercato volontario dei crediti di carbonio dedicato al settore ortofrutticolo.

Il progetto, avviato il 1 settembre 2019 e con termine delle attività previsto per il 31 maggio 2022, ha un budget dedicato di oltre 2 milioni di euro ed è parte di un più ampio programma europeo di cooperazione e di scambio di esperienze tra Italia e Croazia, orientato alla creazione di nuovi modelli di business, prodotti e servizi in grado di migliorare la qualità della vita degli abitanti dell’area mediterranea tra i due Paesi.

Quali sono i principi che ispirano il progetto Geco2?

Gli agricoltori che coltivano i loro campi adottando pratiche sostenibili riducono le emissioni e cattura CO2 nel suolo. Il progetto calcola il valore della CO2 catturata e la trasforma in crediti che possono essere acquistati da aziende agricole che non sono ancora arrivate a operare sul territorio con pratiche sostenibili.

Si crea quindi un mercato volontario in cui i crediti di carbonio possono essere valorizzati economicamente e scambiati; gli agricoltori che vendono i crediti ottengono così un reddito aggiuntivo, che può essere reinvestito per migliorare le attività sul campo e renderle ancora di più sostenibili, mentre le altre imprese possono comunque promuovere il loro impegno a favore del clima.

Antonio Cinti, project manager di Geco2 sostiene che “se un agricoltore potesse misurare e monetizzare le attività di stoccaggio della CO2 sarebbe stimolato a impegnarsi ulteriormente nella lotta ai cambiamenti climatici. Le imprese trasformatrici sarebbero sensibilizzate sulle loro emissioni e potrebbero sfruttare i crediti come una importante leva di marketing per aumentare il valore aggiunto dei propri prodotti. Infine le comunità locali inoltre godrebbero di migliori condizioni ambientali e della disponibilità di prodotti più ecologici sia freschi che trasformati“.

Il progetto rispetta quindi gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile: oltre all’obiettivo 13 (lotta al cambiamento climatico), sono direttamente toccati l’obiettivo 12 (consumo e produzione responsabile) e l’obiettivo 17 (partnership per gli obiettivi).

Con particolare riguardo a quest’ultimo punto, Arpae Emilia Romagna, che opera come capofila, ha coinvolto nell’iniziativa otto partner: Legacoop Romagna, le Regioni Marche e Molise, l’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, Rera sd per il coordinamento e lo sviluppo della Provincia di Spalato Dalmazia, Agrra-Zara e la Regione di Dubrovnik Neretva.

La cooperativa Apofruit Italia partecipa mettendo a disposizione il know how dei suoi tecnici e dei suoi soci, mentre Innovacoop, la società del sistema cooperativo regionale rivolta alla promozione dell’innovazione e dell’internazionalizzazione, aiuta nelle attività di coordinamento del progetto.

Il progetto sarà presentato mercoledì 8 settembre al Macfrut di Rimini. La presentazione sarà accompagnata da una tavola rotunda dal titolo Agricoltura in prima fila contro il cambiamento climatico, il ruolo della cooperazione agroalimentare.

» Leggi tutti gli articoli di Esg in azione (#esginazione)

Chiara Guizzetti Chiara Guizzetti: laureata in economia, lavora in Adfor come referente per l'area Internal Audit e Compliance (consulenza, formazione aziendale e universitaria). Crede nel valore dell'etica, della sostenibilità e del network tra persone e imprese. Appassionata di pilates e corsa | Linkedin
Condividi: