Home Imprese Sostenibili Continua il successo editoriale della GreenPlanner: in libreria la decima edizione

Continua il successo editoriale della GreenPlanner: in libreria la decima edizione

pubblicato il: - ultima modifica: 17 Settembre 2021
greenplanner 2022

Si legge, si usa e si conserva: la GreenPlanner, Almanacco dei progetti sostenibili italiani, torna in libreria per il decimo anno con l’edizione 2022

Unica testata giornalistica ambientale che si legge, si usa e si conserva (la pubblicazione è anche un’agenda settimanale utile a organizzare le note e gli appuntamenti), La GreenPlanner 2022 è ancora più centrata sull’evoluzione scientifica e sulla tecnologica italiana, trasversale a tutte le tematiche Green.

Sono 194 pagine all’insegna dei progetti Sostenibili italiani, della Tecnologia e della Scienza Made in Italy per risolvere i problemi ambientali: quella 2022 è la decima edizione di una pubblicazione  (194 pag. – 15€ – Isbn 978-88-946130-1-8) che vuole riconfermarsi come l’Almanacco dei progetti Sostenibili italiani più letto e usato da chi ha a cuore la consapevolezza ambientale e sociale.

Importante la scelta iconografica di quest’anno: grazie a una collaborazione con Copernicus, il programma dell’Unione europea che ha come obiettivo l’osservazione della Terra, le immagini mostrano il vero volto del nostro Pianeta in preda alla crisi climatica.

I progetti, le notizie, gli spunti di cui la GreenPlanner è portatrice, mostrano come i problemi possono essere affrontati scientificamente e tecnologicamente per “uscirne vivi”.

Perché è aperta anche la questione legata alla sopravvivenza fisica oltre che economica: “e noi dobbiamo capire come ripararci – riflette a proposito il direttore responsabile della GreenPlanner, M.Cristina Ceresache vuol dire, sicuramente, mettersi in salvo. Ma anche come riparare quello che abbiamo rotto, in primis i meccanismi climatici“.

GreenPlanner 2022, questione di economia circolare

Riparare” ha anche un altro significato in epoca di economia circolare, ovvero aggiustare tutti quegli oggetti che anziché finire in discarica possono essere riusati perché sapientemente aggiustati.

Ecco – continua Ceresaquesto è uno spunto fondamentale di cambiamento di cui la GreenPlanner si fa motore anche attraverso un convegno organizzato durante il Festival della Sostenibilità di Asvis“.

Con l’edizione 2022 della GreenPlanner è stata avviata anche una collaborazione editoriale con Sima, prima società scientifica italiana di medicina ambientale, che ha fatto scendere in campo le migliori firme per redigere articoli che affrontano i temi e le problematiche ambientali, dando un ventaglio di soluzioni testate scientificamente.

Come ogni anno, il piano editoriale della GreenPlanner è molto ampio e i temi affrontati spaziano dalla mobilità sostenibile, all’edilizia Green, toccando anche il sempre più attuale tema dell’economia circolare, ma anche i cambiamenti di stili (che devono essere sempre più consapevoli e responsabili), la crisi climatica e le indicazioni dell’Agenda 2030 e dei percorsi Esg (acronimo di Environmental, social and governance) che tanto pervadono il mondo del lavoro.

Ricche di Qrcode, le pagine interne rimandano il lettore a collegarsi con il portale greenplanner.it che affronta quotidianamente le tematiche legate alla Sostenibilità ambientale e sociale, tematiche su cui la stessa casa editrice si è concentrata anche attraverso la certificazione Bcorp (ottenuta già nel 2017) e la trasformazione in Srl Benefit.

Spunti, notizie, ma anche percorsi formativi legati ai Green jobs: la GreenPlanner è ormai considerata l’almanacco di chi vuol bene a sé e al nostro Pianeta e che ha ben presente che parte da noi, attraverso un approccio scientifico e tecnologico, la possibilità di limitare i danni e i problemi a noi e al nostro Pianeta.

La nuova GreenPlanner ha anche una nuova casa: la redazione si è infatti trasferita presso il GreenParlor (via Privata della Braida 5 a Milano): il posto giusto per chi vive intensamente – e non solo a parole – la sostenibilità. venite a trovarci, vi aspettiamo per parlare, concretamente, di Green!

Condividi: