Home Eventi Unbankable people e bitcoin, la rivoluzione è in atto

Unbankable people e bitcoin, la rivoluzione è in atto

pubblicato il:
bitcoin e blokchain
Foto di Morthy Jameson da Unsplash

Utile per i trasferimenti di ingente valore tra persone e crossborder, ma anche per dare vita a sistemi economici locali in una logica inclusiva per chi non è bancarizzato“. È così che commenta Pierangelo Soldavini, giornalista esperto di criptovalute de Il Sole24Ore, il tema dei Bitcoin.

Questa moneta può contribuire allo sviluppo di attività locali abilitando anche la tracciabilità dei prodotti e la certificazione di origine – aggiunge SoldaviniLa potenzialità c’è, si tratta di elaborare dei casi d’uso che siano poi scalabili in maniera semplice, con modelli alla portata di tutti.

Da questo punto di vista il fenomeno finanziario di Bitcoin distrae l’attenzione dall’uso industriale delle criptovalute e della blockchain, favorendo la funzione di investimento, ma si tratta di favorire un confronto aperto e costruttivo per lo sviluppo di soluzioni, lasciando da parte integralismi e rigidità e favorendo approcci all’insegna della sostenibilità“.

Il tema è stato affrontato anche a Bridges. E anche Sara Roversi, fondatrice del Future Food Institute centro di ricerca e formazione nato a Bologna con sedi oggi a San Francisco, Tokyo e Shanghai crede molto nel blockchain e anche nelle criptovalute, soprattutto per il loro possibile impatto positivo sui Paesi meno evoluti.

Local point italiano per le comunità emblematiche Unesco delle Dieta Mediterranea e segretario generale del Centro Studi Dieta Mediterranea Angelo Vassallo di Pollica (Sa), la Roversi afferma: “Stiamo cercando di capire dal mondo del blockchain e delle cripto come possiamo prendere spunti e importarlo nel settore dell’alimentazione, dove ci sono forti distonie produttive e distributive“.

Ma mentre è chiaro come la blockchain sia utile nel garantire la filiera, come c’entrano le cripto valute in tutto ciò?

La risposta sta proprio lì: “potrebbe essere una grande rivoluzione per gli unbankable people e che possono dare accesso a un mercato finanziario” ribadisce la Roversi.

Grazie alla tecnologia che arriva a tutti (un semplice smartphone, ndr) i cui costi di accesso sono sempre più convenienti, sempre più persone, indipendentemente dal loro status quo, hanno la possibilità di disintermediarsi dalle banche e procedere a finanziarsi in maniera autonoma.

L’importante – lo ribadisce la Roversi – “è affinare competenze, culture e lavoro etico“.

Quando però possa avvenire tutto questo è ancora da capire: “è imprevedibile dire quando avverrà veramente la vera rivoluzione” riflette la Roversi, che però si immagina un salto di classe quando si useranno in maniera forte i Bitcoin per acquistare i beni di prima necessità.

Ma attenzione: in qualche parte del mondo, Sud America in primis, qualcosa del genere sta già avvenendo…

Altre risorse e video sul tema Bitcoin e criptovalute

Se siete interessati all’argomento, eccovi altri contributi e video emersi durante la conferenza From Gold to Crypto di Venezia.

Articoli sulle criptovalute

Video e interviste

Condividi: