Home Imprese Sostenibili Energia solare, fulcro della transizione ecologica italiana

Energia solare, fulcro della transizione ecologica italiana

pubblicato il:
energia solare
Foto di American Public Power Association da Unsplash

Energia da fonti rinnovabili, solare ed eolico, il momento è propizio e gli strali favorevoli del Pnrr spingono il mercato italiano a puntare sull’energia pulita. In qiesto scenario si affacciano nuovi, importanti, player

I numeri legati alle energie rinnovabili presentati da Iea – l’International Energy Agency – nel suo rapporto Renewables 2021 sono molto incoraggianti: la potenza generata dall’energia pulita sta per stabilire un nuovo record, grazie soprattutto al fotovoltaico.

Nel 2021, infatti, saranno quasi 290 i gigawatt di energia da fonti rinnovabili installati a livello globale, di cui 165 dovuti all’energia del Sole. Inoltre, la previsione per il periodo 2020-26 è che tale potenza green aumenterà di oltre il 60%, raggiungendo più di 4.800 GW – che, afferma Iea, equivalgono alla capacità energetica che oggi nucleare e fossile ci forniscono.

Numeri importanti, che uniti alle risorse che metterà a disposizione il Pnrr per il mercato italiano, fanno ben sperare e rendono frizzante ilsettore; tanto che cominiciano ad affacciarsi nuvi player internazionali.

Come Bnz, nuova realtà nel mondo della produzione di energia solare fotovoltaica che non nasconde ambizioni di crescita e di sviluppo in Spagna, Italia e Portogallo.

L’azienda – che non esclude in futuro un impegno anche verso il mercato degli accumulatori e dell’idrogeno – fa parte del portfolio di investimenti Clean Energy Fund III di Glennmont Partners from Nuveen, importante attore europeo nella gestione di fondi per l’energia pulita.

Lo sviluppo del mercato fotovoltaico in Italia per Bnz

Greenplanner.it, per capire meglio la strategia di crescita di Bnz e fare il punto sulle sue ambizioni nel nostro mercato, ha intervistato Jordi Francesch, head of Asset Management di Glennmont Partners e membro del consiglio di amministrazione di Bnz.

Jordi Francesch
Jordi Francesch

Qual è la vostra visione dello sviluppo solare in Italia?

Iniziamo parlando della mission e della vision di Bnz. L’energia pulita è nel nostro Dna e il nostro approccio è stabilire partnership con organizzazioni e comunità locali, lavorando nel rispetto delle normative dei diversi Paesi in cui operiamo per fornire energia pulita che possiamo definire “elettricità di prossimità”, a vantaggio non solo degli utenti ma anche del territorio attraverso una decarbonizzazione della generazione di energia.

Tali partnership con le comunità locali, inoltre, vengono attuate in fase di progettazione e ingegnerizzazione, per definire con gli enti locali, il tipo di misure di mitigazione da applicare, nonché in fase di costruzione ed esercizio, privilegiando, a parità di condizioni, a fornitori locali e manodopera locale.

Tra i nostri obiettivi vi è avere un impatto positivo sulle comunità locali, per esempio, non innescando cambiamenti nell’uso del suolo lontano dall’agricoltura locale, ma implementando pratiche agrivoltaiche innovative secondo un modello che contempli la produzione di energia solare fotovoltaica, integrandola con l’agricoltura locale. pratiche e tradizioni.

Glennmont, capogruppo di Bnz, opera in Italia dal 2010 e questo ci permette di guardare al mercato di questo Paese con una prospettiva di lungo termine e di confrontarlo con altri mercati.

Un elemento chiave di differenziazione del mercato italiano dell’energia verde è che il processo di connessione alla rete è più trasparente e meglio regolamentato rispetto ad altri paesi vicini.

Si tratta di un mercato in evoluzione caratterizzato da un’elevata penetrazione degli asset di energia pulita e vede la presenza di molti processi implementati anche da altri attori.

Il quadro normativo italiano ha molti lati positivi, uno di questi è l’iter autorizzativo unico, ma anche le conferenze di servizio, che consentono a tutti gli organi competenti di commentare e dare indicazioni su specifici progetti in maniera molto articolata.

La procedura di autorizzazione del Tso è anche un fatto positivo rispetto ad altri paesi del Sud Europa. Dove vediamo aree di miglioramento è nella regolamentazione dei collegamenti e nella complessità dell’ordinamento giuridico italiano, che può causare ritardi nell’attuazione dei processi a causa dei ricorsi che spesso vengono proposti.

Tuttavia, il nuovo governo ha avviato un processo di semplificazione, che dovrebbe produrre risultati in un paio di anni. Inoltre, a livello locale, alcune regioni sono più rapide a cogliere le opportunità rispetto ad altre, perché anche il grado di accettazione degli impianti di energia rinnovabile nelle diverse regioni e comuni è diverso.

Un significativo fattore di differenziazione per il mercato italiano rispetto ad altri del Sud Europa risiede nel fatto che il parere dei singoli comuni viene preso in considerazione nel processo di autorizzazione unica e rappresenta uno dei pareri in materia; per esempio, questo non accade in Portogallo, dove un sindaco ha il potere di autorizzare o negare un progetto.

Il contesto italiano crea le condizioni per creare comunità energetiche locali che abbraccino più amministrazioni locali di un territorio e questo ci permette di contribuire prima alle economie locali, a patto di negoziare autorizzazioni e realizzare progetti con più agilità.

Avete in programma di costruire o acquisire impianti nel nostro Paese nei prossimi anni?

Abbiamo esperienza sia nello sviluppo che nella costruzione e nell’acquisto di progetti da terze parti. In questo caso per Bnz ci siamo concentrati principalmente sulla crescita dello sviluppo interno.

Abbiamo recentemente ottenuto l’autorizzazione per avviare la costruzione di un impianto solare fotovoltaico nel Lazio, in provincia di Viterbo, con una potenza di 45 MWp, che prevediamo essere operativo nel 2023.

L’energia pulita prodotta nell’impianto eviterà circa 23.000 tonnellate di emissioni equivalenti di CO2 all’anno, ovvero circa 40.000 voli Londra-New York City.

La produzione di elettricità sarebbe in grado di soddisfare il fabbisogno annuo di elettricità di circa 16.000 persone. Inoltre, BNZ stima che creerà circa 300 posti di lavoro diretti e indiretti entro il 2024.

Quanta energia prevedete di produrre da fonti rinnovabili in Italia nei prossimi anni?

Il progetto nel Lazio è il primo impianto di BNZ ad essere costruito in Italia e prevediamo di installare una capacità approssimativa di 500 MWp entro il 2024.

Parliamo di tecnologie future: sistemi di accumulo, comunità energtiche e produzione di idrogeno da fonti rinnovabili… siete impegnati in qualcuna di qieste aree? Se sì quali progetti avete in essere?

Il nostro obiettivo iniziale in Bnz è quello di iniziare a costruire impianti fotovoltaici integrati con l’accumulo di batterie e in una fase successiva combinati con l’energia eolica.

Un vantaggio dell’energia solare è che la finestra temporale in cui viene generata è ben nota, prevedibile e modificabile con l’aiuto dello stoccaggio.

L’energia solare non produce al di fuori delle ore di luce solare, mentre la risorsa dell’energia eolica è predominante durante la notte con conseguente condivisione gratuita dell’integrazione di rete tra solare ed eolica su base giornaliera e stagionale.

Questa integrazione non è ancora avvenuta in Italia, ma ora è sicuramente un buon momento per iniziare a pensarci.

In Italia le normative stanno diventando sempre più sofisticate in questo senso; nello sviluppo di una strategia a lungo termine, l’impatto del progetto è fondamentale e le regioni e le amministrazioni locali sono ora istruite su come sviluppare un sistema elettrico distribuito in grado di promuovere diversi progetti più piccoli e superare i vincoli normativi associati a un grande impianto.

Pensando a mercati maturi come Germania, Regno Unito e Spagna, l’Italia si avvicina a questi livelli e il mercato si fa sempre più sofisticato; un’opzione da considerare può quindi essere quella degli impianti di generazione fotovoltaica ibridi, associati a soluzioni di accumulo.

Nella nostra esperienza sul mercato italiano, le aziende che hanno progetti in atto che coinvolgono lo stoccaggio possono rafforzare la loro posizione nella negoziazione dei contratti Ppa. Nel mercato odierno, un contratto che includa più servizi o la possibilità di intervenire sul mercato è, dal punto di vista di un produttore, l’ideale.

Parliamo anche di sostenibilità e di obiettivi di sviluppo sostenibile: su quali degli Esg state lavorando al vostro interno?

Stiamo lavorando attivamente per aggiungere il nostro granello di sabbia alla lotta contro la crisi climatica attraverso i parametri degli Sdg delle Nazioni Unite, in particolare gli obiettivi 7, 8, 9, 12 e 13.

Inoltre, dobbiamo anche tenere conto della strategia dell’Ue sul cambiamento climatico e il pacchetto legislativo Fit to 55, che richiede un’agenda europea sulla decarbonizzazione che riduca le emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030.

In questo momento, il 75% delle emissioni totali di gas serra nell’Ue proviene dal settore energetico, generando solo il 19,7% (nel 2019) dell’energia totale da fonti rinnovabili.

Celebriamo l’ultimo obiettivo aggiornato del 40% entro il 2030, 8 punti in più rispetto al primo obiettivo. In questo scenario, il ruolo di aziende come Bnz è fondamentale: le gare di capacità sono molteplici e saranno fondamentali per capire quale strada intraprenderà l’Italia nel cammino verso un cambiamento green.

E volti seguirà da vicino questo processo di decarbonizzazione, per verificarne i risultati e sponare sempre più aziende a rendersi protagoniste della transizione ecologica.

Condividi: