Home Imprese Sostenibili Sostenibilità, ecco il report dell’Università di Pavia

Sostenibilità, ecco il report dell’Università di Pavia

pubblicato il:
rapporto sostenibilità università di pavia
Immagine da Depositphotos

L’Office for Sustainable Actions (Osa), il gruppo di lavoro dell’Università di Pavia nato nel 2020 e dedicato alle Sostenibilità con il fine di supportare e diffondere le strategie di Ateneo in questo campo, ha appena presentato il Rapporto di Sostenibilità per l’anno 2021.

Il rapporto dell’Università di Pavia, alla sua prima edizione, raccoglie e rappresenta, in modo organizzato e in una logica di sistema, una serie di informazioni e di approfondimenti relativi ai principali settori d’azione dell’ateneo (didattica, ricerca, terza missione) e ai risultati ottenuti nel campo dello sviluppo sostenibile.

Il collegamento con gli Sdg dell’Agenda 2030 viene formalmente esplicitato all’interno delle attività condotte dal gruppo di lavoro e riguarda principalmente le seguenti aree di intervento:

  • infrastrutture e verde
  • energia
  • rifiuti ed economia circolare
  • mobilità
  • sostenibilità sociale
  • salute e benessere

Il documento rappresenta, nel pensiero espresso dagli organi di governo dell’ateneo, uno strumento utile per influenzare dall’interno i meccanismi gestionali e le priorità operative (la missione).

In quanto strumento di rendicontazione, il rapporto diventa inoltre un elemento essenziale per una buona programmazione, strettamente legata alla formulazione degli obiettivi e alla definizione della strategia di medio e lungo periodo.

Il report di sostenibilità dell’Università di Pavia

L’adozione di un Rapporto di Sostenibilità è un ponte tra passato e futuro che, partendo da pratiche virtuose già in atto, vuole sviluppare e implementare azioni di feedback, nell’ottica di una più complessa strategia finalizzata alla responsabilità sociale.

Il piano d’azione sviluppato dall’ateneo pavese, infatti, presenta alcuni punti fermi tra cui la valorizzazione del patrimonio edilizio (oltre 250.000 metri quadrati di superficie edificata per 52 edifici) e degli spazi verdi (oltre 200.000 metri quadrati) e l’ottimizzazione del conto energetico e dei relativi consumi, attraverso la ricerca di forniture da fonti alternative, meglio se rinnovabili-il budget annuale per l’energia elettrica e il gas supera i 5 milioni di euro annui.

L’obiettivo è liberare risorse economiche per abbattere le barriere di accesso allo studio, grazie a un incremento delle borse di studio e a una riduzione delle tasse universitarie, e per aumentare gli spazi dedicati alla didattica.

La costruzione, ancora in corso, del polo del farmaco e il recupero di aree del Policlinico S.Matteo per il campus di medicina sono un esempio concreto della strategia dell’ateneo.

L’Osa è coordinato da un gruppo di docenti, studenti e personale amministrativo che si avvale anche di collaborazioni specialistiche presenti in ateneo; il team si è prefissato di aggiornare il Rapporto di Sostenibilità con cadenza triennale.

L’Università di Pavia fa inoltre parte del Rus, la Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile, nata nel 2013 come esperienza di coordinamento e di condivisione, in logica di accordo di rete, di buone pratiche in relazione alle tematiche di Sostenibilità.

L’obiettivo ultimo è quello di diffondere la cultura della Sostenibilità all’interno di un Paese che non riesce a stare al passo con i suoi pari europei, soprattutto sui temi legati allo sviluppo del capitale umano e alla riduzione delle disuguaglianze.

Per questo motivo, sono stati costituiti diversi gruppi di lavoro, riservati agli atenei aderenti alla Rete e focalizzati su temi considerati trasversali e prioritari (cambiamenti climatici, cibo, educazione, energia, inclusione e giustizia sociale, mobilità, risorse e rifiuti).

Il Rapporto di Sostenibilità dell’Università di Pavia è disponibile online per la consultazione.

Crediti immagine: Depositphotos

» Leggi tutti gli articoli di Esg in azione (#esginazione)

Chiara Guizzetti Chiara Guizzetti: laureata in economia, lavora in Adfor come referente per l'area Internal Audit e Compliance (consulenza, formazione aziendale e universitaria). Crede nel valore dell'etica, della sostenibilità e del network tra persone e imprese. Appassionata di pilates e corsa | Linkedin
Condividi: