Home Imprese Sostenibili Valdilana Hub, esempio di riqualificazione territoriale e sociale

Valdilana Hub, esempio di riqualificazione territoriale e sociale

pubblicato il:
valdilana hub

Un ex lanificio in provincia di Biella sta risorgendo a nuova vita portando con sé rigenerazione territoriale e sociale. È questo ciò che si prefigge di fare Valdilana Hub progetto che sta entrando nel vivo a Ponzone a due passi dall’Oasi Zegna.

Il nuovo sito non si occuperà più di filati, ma conta di rimanere la casa di artigiani capaci di tutto. Un artigianato 4.0. che secondo gli ideatori del progetto (associazione Atelier, laboratorio delle buone idee Aps, Impresa Sociale Atelier, un pizzico di Comune di Valdilana oltre a Fondazione Riusiamo l’Italia) sarà ben accolto sempre che garantisca “uno stato mentale che generi pensieri nuovi“.

In Valdilana Hub si punta così a interagire e contaminare idee, progetti, sogni e, forse, anche utopie. Di fatto in questo ex lanificio dello scorso secolo completamente riqualificato, anche in termini di edilizia ed energie rinnovabili, si terranno corsi di formazione con laboratori creativi, artigianali e artistici e anche le scuole – ci racconta  Silvio Lora Aprile, presidente di Atelier impresa sociale – saranno ben accolte.

L’apertura – continua Lora Aprileè per gli artigiani che condividano la nostra filosofia di base sulla rigenerazione e sul cambiamento. Sono premianti i settori del legno, ferro, decorazione, sartoria, confezione, creatività applicata, nonché ai laboratori di arte, musica, teatro e danza.

Riteniamo sia fondamentale sviluppare anche il settore del benessere fisico e mentale. Svilupperemo quindi laboratori di cucina per il mangiare sano e sostenibile, corsi per l’equilibrio psicofisico come lo Yoga, e altri di approccio più olistico.

L’attivazione di questi laboratori consentirà il primo avviamento della struttura con un conseguente vantaggio per il territorio circostante“.

Valdilana Hub, partnership su più fronti

Anche le aziende, del territorio o meno, sono invitate a valutare una collaborazione con Valdilana Hub. Da una parte queste possono erogare fondi, ma per Lora Aprile c’è anche la necessità di collaborare con brand già avviati per “ottenere una massa critica autorevole che permetta di richiamare l’attenzione sul modello adottato ben al di fuori del territorio e, grazie ad altre contaminazioni, promuovere la Cultura del Cambiamento“.

E poi c’è un aspetto tecnologico: “Stiamo cercando partner per implementare attività di stampa 3D e taglio laser – fa appello l’imprenditore – che possano svolgere il compito sia di laboratorio che di servizio al pubblico“.

Formazione a tutti i livelli

Lato scuole, di ogni ordine e corso di studi, presidi, docenti possono trovare qui un laboratorio di orientamento.

Il coinvolgimento è già in atto – precisa Lora Aprilecon la collaborazione delle istituzioni scolastiche, dei presidi e dei docenti; con alcuni sono già in essere progetti di mindfullness.

Inoltre, stiamo strutturando spazi didattici in grado di organizzare il processo di alternanza scuola-lavoro, tramite laboratori che, a seconda delle fasce di età“.

Focus sarà anche sulla sensibilizzazione all’ambiente e al riciclo e l’attitudine al riutilizzo.

Nella fattispecie stiamo strutturando un processo di economia circolare sul legno – spiega ancora il nostro interlocutore – con gli scarti di produzione di varie falegnamerie coinvolte; le stesse forniscono gli scarti le cui dimensioni e regolarità permettono di essere utilizzati per costruire piccoli oggetti in legno, ma anche piccoli pezzi irregolari e segatura, privi di vernici e di colle che sono adatti alla trasformazione in tronchetti e/o cippato per il riscaldamento della struttura“.

Scarto che diventa materia prima per il laboratorio didattico, che a sua volta genera valore attraverso l’insegnamento di un mestiere e la realizzazione di un prodotto vendibile.

L’Hub sarà munito di fibra ottica, si immagina per alcuni laboratori l’accesso al 4.0. Tra aprile giugno Valdilana Hub avrà un riscontro con gli stakeholder.

Da qui secondo Silvio Lora Aprilesi può pensare di raggiungere circa il 50% del progetto in 18 mesi“. In città, a Milano per esempio, un progetto del genere avrebbe sicuramente vita serena. Ce lo auguriamo anche in provincia.

Condividi: