Home Eventi Per fare un bel “paesaggio” servono regole chiare. E decreti attuativi

Per fare un bel “paesaggio” servono regole chiare. E decreti attuativi

pubblicato il:

Lo sviluppo del paesaggio va di pari passo con leggi e decreti attuativi, compresi i processi di formazione di chi mette a punto i bandi comunali. Se ne parlerà al Landscape Festival, I Maestri del Paesaggio 2022 a Bergamo.

Regole – leggi, ma anche decreti attuativi – per fare bella l’Italia, dove il verde spicca non solo perché fa belli i paesaggi, ma perché rappresenta, spesso, la soluzione di tanti problemi che le nostre città hanno di fronte alla crisi climatica.

Si chiamano Natural based solution e per essere efficienti hanno bisogno di grande formazione e capacità progettuale. Formazione variegata. Che tanto ha anche a che fare anche con bandi pubblici e aspetti legali.

Ne è convinto Vittorio Rodeschini, avvocato in quel di Bergamo, ma anche presidente di Arketipos, associazione senza scopo di lucro che da 11 anni a questa parte promuove Landscape Festival – I Maestri del Paesaggio.

E proprio perché Rodeschini è uomo di legge segue i progetti paesaggistici come soggetti-oggetti giuridici.

Così proprio durante la manifestazione che si terrà a Bergamo dall’8 al 25 settembre 2022 verranno affrontati anche gli aspetti legali che guidano lo sviluppo dei paesaggi.

In particolare il 9 settembre nel pomeriggio (inizio lavori ore 15), presso il Monastero di Astino di Bergamo Université d’Eté si terrà un incontro rivolto ai professionisti del paesaggio con un taglio legale.

Tra gli interventi in calendario sono confermati quelli di Sergio Cavalieri (Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo), Fabio Bombardieri (Presidente Fondazione Mia), Maguelonne Dejeant-Pons (Consiglio d’Europa – Capo Divisione Patrimonio Culturale, Paesaggio e Gestione del Territorio), Ingrid Schegk (Weihenstephan University) e Serena Porcari (Dynamo Camp).

Landscape festival, XI edizione

Professionisti, progettisti, ricercatori, avvocati, e studenti, troveranno nella XI edizione del Landascape Festival un punto di riferimento per il proprio aggiornamento professionale attraverso la testimonianza di ospiti ed esperti internazionali.

Alcuni incontri forniscono crediti formativi per architetti, geometri, ingegneri e agronomi.

Tema dell’edizione 2022 è Forgotten Landscape: un invito a riscoprire le radici dei territori in cui viviamo, il loro Genius Loci, con cui riconnetterci per apprezzarne la storia, la cultura, la bellezza a livello sia naturale sia architettonico.

Come tutti gli anni il calendario è assai variegato: Consigliamo di tenere d’occhio il sito della manifestazione.

Condividi: