Home Eventi I paladini dei semi antichi si ritrovano a Roma

I paladini dei semi antichi si ritrovano a Roma

pubblicato il:
semi antichi
Immagine da Depositphotos

Il valore dei semi antichi in mostra a Roma in una manifestazione (15 e 16 maggio) che mostra come l’agricoltura sia la base di tutte le nostre attività, anche culturali.

In Italia non sono pochi i paladini dei semi antichi: a loro è affidato un sapere immenso legato alla salvaguardia della biodiversità, che arriva così fino alle nostre tavole.

In molti si riconoscono in Avasim (acronimo di alleanza per la valorizzazione delle antiche sementi italiane e del mediterraneo), un consorzio internazionale di ricerca e promozione, che ha l’intento di accogliere e aggregare tutti gli attori delle filiere agroalimentari delle antiche sementi italiane, dalla cerealicola a quella orto-frutticola, dalla vitivinicola alle erbe aromatiche, dalle oleose alle officinali.

Avasim è fondato da Alessia Montani, con i soci Flaminia Barachini, Stefano Crisci, Letterio Giacoppo, Luigi Grasso, Annalisa Luciani, Fabrizio Luciani, Lucia Pascarelli ed Emanuele Pensavalle.

Si deve a questo gruppo il manifesto per i semi antichi italiani e le loro filiere riconoscibile dal bollino Mama seeds, per compattare e valorizzare all’insegna del recupero e della valorizzazione tutto il comparto degli operatori economici di riferimento.

Alle spalle anche  un comitato tecnico-scientifico formato da docenti universitari e professionisti del diritto, per la stesura di una proposta di legge, che intende riconoscere e qualificare la natura originaria e autoctona delle antiche sementi, proteggerle da fenomeni di italianità fittizia e, in quanto patrimonio della collettività, dalla possibilità di brevettazione.

Tra gli obiettivi del Consorzio c’è inoltre il riconoscimento dei semi antichi all’interno del patrimonio culturale nazionale dell’umanità nell’accezione di beni culturali, fondamentali della tradizione italiana.

Semi antichi, un evento a Roma: 15/16 maggio

Nel prossimo fine settimana (da domenica 15 a lunedì 16 maggio) in una Roma che si apre al clima estivo, Avasim ha organizzato dei pomeriggi di eventi, tra incontri, conversazioni, cooking show e degustazioni, dedicati agli antichi semi italiani.

Qui si ritroveranno docenti universitari, esponenti della business e della legal community dei semi antichi, intellettuali, artisti, produttori eroici e contadini custodi.

L’obiettivo è quello accendere i riflettori su un settore di importanza cruciale per il Paese, quello delle antiche sementi autoctone italiane.

Sarà anche un momento di arte, design e moda dimostrando come eccellenze italiane nel mondo, siano legate a doppio filo con la memoria storica delle antiche colture e culture.

Gli organizzatori (tra cui SlowFlow ed Excellence Academy) sottolineano: come il 25% della biodiversità agraria presente in Europa è costituita dall’agrobiodiversità di una sola regione italiana, la Sicilia, per comprendere quanto innumerevoli siano le potenzialità, non soltanto per il comparto dell’agroalimentare, ma per il rilancio dell’economia del Paese.

La manifestazione si terrà presso The box, excellence academy in via Ignazio Pettinengo 72 (ingresso gratuito). Portate con voi i semi antichi da scambiare.

Condividi: