Home Imprese Sostenibili Si devono accelerare le azioni a favore del clima: le richieste al...

Si devono accelerare le azioni a favore del clima: le richieste al Wef di Davos

pubblicato il:
net zero building
Immagine da Depositphotos

Il settore edilizio conta per circa un terzo nel conto delle emissioni nocive; ovvio che, per decarbonizzare il settore e raggiungere i target europei, evitando il consumo di suolo, è necessario aumentare – di molto – il tasso di riqualificazione del parco edilizio europeo.

Ogni anno in Europa soltanto circa l’1,5% del parco edilizio viene rinnovato; troppo poco per un settore che conta almeno un terzo nel conteggio delle emissioni climateranti a livello continentale.

Secondo le stime dello Schneider Electric Sustainability Research Institute, invece, i livelli di rinnovamento edilizio dovrebbero assestarsi al 3% annuo se si vogliono raggiungere gli obiettivi di Parigi.

La soluzione della riqualificazione permetterebbe di ottenere edifici sostenibili, attrezzati con tecnologie per la decarbonizzazione, che contribuiscono a creare servizi ed ecosistemi urbani digitali. Meno impatti ambientali ma anche maggior valore per i portatori di interesse. Ma, almeno per il momento, mancano i finanziamenti.

Ecco allora che, almeno secondo gli scenari modellati dal centro di ricerca Schneider, si deve intervenire per stimolare una transizione guidata dalla domanda; per questo, al World Ecomomic Forum di Davos, l’istituto di ricerca presenterà l’e-book Towards Net Zero Buildings: a practical pathway nel quale si affronta la questione di come superare l’attuale stallo tra domanda e offerta.

La pubblicazione propone un percorso d’azione pratico per bilanciare i costi della transizione energetica con l’ulteriore impatto sulle comunità, in particolare nell’attuale scenario imprevedibile.

Si sviluppa inoltre un nuovo quadro di riferimento per preparare gli edifici al futuro, proponendo un modello e un insieme di strumenti con cui accelerare gli investimenti nella decarbonizzazione delle città.

In particolare, attraverso l’adozione delle tecnologie esistenti che abbattono le emissioni e portando un beneficio alle persone, mentre si crea valore per l’economia.

Passare a un approccio di investimento incentrato al consumatore e guidato dalla domanda servirà non solo per una decarbonizzazione su larga scala, ma anche per ottenere risultati più incoraggianti di quelli che i modelli attuali suggeriscono – afferma Jean-Pascal Tricoire, presidente e Ceo di Schneider Electric – I consumatori spingono il cambiamento. Questo vuol dire che la domanda spinge il cambiamento“.

Crediti immagine: Depositphotos

Condividi: