Home Imprese Sostenibili Dai campi italiani alla fabbrica 4.0: così le bevande vegetali sono doppiamente...

Dai campi italiani alla fabbrica 4.0: così le bevande vegetali sono doppiamente certificate

pubblicato il:
sede produttiva abafoods

Grazie a un investimento di 20 milioni la fabbrica di Badia Polesine di Abafoods assicura efficienza energetica e logistica. E le bevande vegetali diventano sempre più Green

Le bevande vegetale di Abafoods (120 milioni di litri all’anno) oltre a essere bio riescono a garantire una filiera quasi tutta made in Italy. E ora anche completamente meccanizzata. Lo abbiamo constatato visitando la fabbrica ampliata a Badia Polesine, in provincia di Rovigo.

Dallo stabilimento di Badia Polesine (Rovigo) escono le bevande vegetali a marchio Isola Bio, Bjorg (giusto per citare i più famosi distribuiti in Italia), ma anche l’8% delle private label euoropee. E i bricchi si diffondono in tutta Europa.

Abafoods in effetti fa parte del Gruppo Ecotone (certificato BCorp dal 2018; 1.600 dipendenti per un fatturato di 720 milioni di euro) ma la sua matrice italiana rimane forte.

Molti gli ettari coltivati nel nostro Paese a partire da quelli molisani. Qui l’azienda ha anche una propria realtà agricola: La Goccia attraverso cui coltiva oltre 4.500 ettari di terreno in Italia per lo più ad avena, ma anche orzo e soia. Anche il miglio inizia a dare buoni frutti.

Le buone pratiche bio prevalgono a partire dalla rotazione delle coltivazioni che assicura il rispetto dei bioritmi del terreno.

Abafoods, l’ampliamento dello stabilimento

Durante i mesi difficili della pandemia, l’azienda ha investito 20 milioni di euro in innovazione dei processi industriali e nella una nuova linea produttiva. I robot hanno preso il sopravvento, senza però lasciare a casa gli operai (anzi: sono state assunti 30 nuovi dipendenti).

Energia rinnovabile – che vuol dire fotovoltaico e cogenerazione – garantiscono una buona quantità di energia, mentre sono state adottate buone misure per evitare lo spreco d’acqua. E tutti gli eventuali scarti di lavorazione si tramutano in biogas o vengono consegnati all’industria mangimistica.

In poche parole Abafoods non ricorre alla consegna di nulla in discarica. Le confezioni in cartonato, i tappi certificati Ok biobased completano la sostenibilità di queste bevande che ora arrivano sulle tavole anche in formato ridotto, ottima scelta per ridurre l’impronta ambientale della logistica.

Basta aggiungere acqua di casa per farne la bibita vegetale migliore.

Condividi: