Voglia di giardinaggio sostenibile, grazie agli strumenti giusti

pubblicato il:
giardinaggio sostenibile
Immagine da Depositphotos

Maggio, tempo di effettuare lavori in giardino, grazie alla bella stagione in arrivo e alle tante fiere di settore da visitare. Ma per un lavoro sostenibile, servono gli strumenti giusti, attenti all’ambiente.

Con l’arrivo della bella stagione cresce negli italiani la voglia di verde; la cura del proprio giardino – o del balcone per chi vive in città – è un’attività praticata da un italiano su tre.

Il giardinaggio aiuta a concentrarsi, allontana i cattivi pensieri e permette di abbellire il proprio giardino o il proprio terrazzo, con tutti i benefici che ne conseguono.

Una ricerca GfK, effettuata online su 23.000 persone in 17 paesi sul tempo dedicato a questo hobby, fa emergere il fatto che, complessivamente, più del 30% degli intervistati si occupa del verde almeno una volta a settimana.

Ovviamente, l’attività deve essere fatta in modo sostenibile… sembra strano ma, secondo un’altra ricerca commissionata nel Regno Unito, circa l’89% degli utensili utilizzati da consumatori e professionisti funziona ancora a benzina.

Con un consumo di carburante annuo che supera i 600.000 litri, arrivano a toccare il limite dei livelli consentiti di particolato: un controsenso perché, invece, prendersi cura degli spazi verdi, privati o pubblici, deve portare benefici e non peggiorare la situazione.

Giardinaggio sostenibile, con gli attrezzi giusti

Parlare di giardinaggio insostenibile, come nel caso di attrrezzi a benzina e strumenti in plastica per esempio, è certamente un ossimoro.

Ecco perché è raccomandabile l’utilizzo di tagliaerbe, decespugliatori, tagliasiepi e soffiatori elettrici. Ormai c’è un’ampia offerta di soluzioni di marche diverse con durata delle batterie che – a meno di non dover tagliare un parco immenso – bastano per completare con soddisfazione il lavoro.

Ma anche gli attrezzi da giardinaggio hanno un’importante funzione e devono essere eco-sostenibili. Per esempio dovrebbero essere costituiti da almeno il 65% di materiale riciclato, senza però trascurare la qualità in termini di funzionalità e durata.

Come la gamma di prodotti EcoLine di Gardena, che comprende un Set base per l’irrigazione, una Lancia a doccia a impulsi, un Irrigatore oscillante, tre attrezzi manuali (Trapiantatore, Estirpatore e Raschietto) e un paio di Forbici da giardino.

L’attenzione non si limita però all’attrezzo, ma considera anche la loro confezione. Gli imballaggi della gamma EcoLine sono infatti realizzati in cartone riciclato, sono quindi riciclabili al 100% e vengono stampati con inchiostro non chimico, a base d’acqua.

Una scelta obbligata, perché chi ha il pollice verde non può che avere la coscienza green…

Crediti immagine: Depositphotos

Condividi: