Home Eco Lifestyle Educazione alimentare nelle scuole, un sondaggio della Commissione europea

Educazione alimentare nelle scuole, un sondaggio della Commissione europea

pubblicato il:
educazione alimentare a scuola
Immagine da Depositphotos

Insegnare ai nostri figli a nutrirsi in modo sano e sostenibile: la Commissione europea invita i suoi cittadini a un sondaggio per avere la loro opinione sul varo di un programma alimentare scolastico.

Il programma scolastico dell’Unione europea sostiene sin dal 2017 una corretta educazione alimentare, attraverso la distribuzione nelle mense di frutta, verdura, latte e prodotti lattiero-caseari, dalla scuola materna fino alla scuola secondaria.

Il programma si pone l’obiettivo, oltre che di distribuire cibi sani e sostenibili agli scolari, di contribuire a insegnare abitudini alimentari corrette alle famiglie – il radicato rito del cornetto al bar come colazione e della merendina industriale come spuntino pomeridiano dimostrano quanta poca educazione alimentare ci sia nelle famiglie italiane.

Questo programma, inoltre, lavora in stretta sinergia con la politica agricola comune (Pac) per migliorare la risposta del settore agricolo europeo avvicinandolo alle esigenze della società in materia di alimentazione e salute.

Inoltre, la Commissione europea ha avviato una revisione del suo programma scolastico per adeguarlo alla strategia Farm to Fork e cercare di creare un ambiente alimentare favorevole nelle famiglie europee, facilitando loro la scelta di diete alimentari sane e sostenibili, che aiutino a combattere i cambiamenti climatici e le emissioni di gas a effetto serra.

Questa revisione vuole portare anche un apporto importante al piano europeo Europe’s Beating Cancer, promuovendo la sensibilità e l’informazione verso diete sane che proteggano la nostra salute e che, al tempo stesso, possano spingere gli agricoltori verso lo sviluppo di una produzione biologica e plant-based.

Per questo motivo, la Commissione europea invita i cittadini a dare il loro contributo rispondendo al questionario che vi proponiamo (per partecipare è necessario registrarsi al portale europeo o effettuare l’accesso con l’account dei social media).

Qui trovate la pagina ufficiale del sondaggio con tutte le spiegazioni sul trattamento dei dati e le finalità del sondaggio. La data ultima per la partecipazione è il 28 luglio.

Al momento il contributo italiano è davvero basso (circa l’1% del totale delle risposte ricevute): se vogliamo davvero contribuire a costruire un’Europa a nostra misura, dobbiamo partecipare dando le nostre indicazioni.

Crediti immagine: Depositphotos

Condividi: