Home Eco Lifestyle Il pianoforte eolico de “La dinamica del controvento”

Il pianoforte eolico de “La dinamica del controvento”

dinamica controvento

Melodie aeree e fluttuanti: ecco come una performance artistica porta gli spettatori ad ascoltare la musica di un pianoforte, galleggiando a mezz’aria. È la Dinamica del controvento

Il pianoforte alla Polverosa, la mitica gara emiliana che è anche un mercatino vintage delle due ruote di un tempo, vola sulle note del vento.

Non si tratta di una metafora: un’ingegnosa attrezzatura – non invidio Leonardo, non da Vinci ma Adorni, quando la deve montare – fa letteralmente volare un pianoforte (suonato dalla dolce Irene Michailidis) con vasi comunicanti d’acqua, magia delle eliche a vento e delle braccia da grande bilancia, che fanno rimanere i passanti a bocca aperta.

Che roba e? La roba prende il nome di La dinamica del controvento ed è un’installazione che la compagnia teatrale Teatro necessario di Colorno porta nelle piazze.

Lo spettatore, però, può fare anche qualcosa in più che rimanere a bocca aperta. Può salire sull’altra piattaforma di questa bilancia e fare da contrappeso al pianoforte in un viaggio incantato.

Perché ne parliamo sulle pagine di greenplanner.it? Perché La dinamica del controvento è la sintesi del recupero e riuso. Fatta di vecchio ferro, vecchi libri e damigiane concepita da Julien Let come una giostra che fu.

Pronta a girare per piazze, fiere, eventi e insegnare a volare sulle note del pianoforte.

Condividi: