Home Eco Lifestyle Rigenerare il suolo per il bene dell’ambiente, ma anche per farci stare...

Rigenerare il suolo per il bene dell’ambiente, ma anche per farci stare bene

pubblicato il:

Nasce a Parma, voluto da Davines, il primo centro rigenerativo biologico europeo (Eroc) sulle direttive del Rodale Institute.

Il buon suolo, non fa bene solo alla produzione agroalimentare, ma può essere principio sano anche per i prodotti che ogni giorno ci “mettiamo addosso“. Creme comprese.

Ne è convinta Davines che per i principi attivi dei suoi prodotti di bellezza da tempo lavora con chi gli assicura una buona agricoltura (per questo da tempo lavora anche con i presidi Slow Food).

Ora, però l’azienda parmense scende in campo per lo sviluppo a sostegno dell’agricoltura biologica rigenerativa. Partendo dalle direttive messe a punto dal Rodale Institute la azienda di cosmetica parmense appoggia con forza la rigenerazione del suolo.

Il perché ce lo racconta Dario Fornara, research director di Davines, che ci spiega anche la differenza tra l’agricoltura rigenerativa e la permacultura.

Così, presso la bella sede di Davines, ovvero il comfort zone Village, sta prendendo vita il primo centro rigenerativo biologico europeo (Eroc): qui sarà promossa la ricerca sulla sostenibilità e la formazione degli agricoltori delle aziende europee di piccole e medie dimensioni, che preservano colture locali dedicate all’alimentazione, la nutrizione e la bellezza.

In linea con la filosofia aziendale, l’azienda sta coinvolgendo non solo la filiera agricola, ma anche i partner commerciali e i consumatori con l’invito a prendere parte all’azione e contribuire al movimento di rigenerazione.

Risponde a questa strategia anche l’operazione avviata durante la Sustainable beauty week (appena conclusasi) dove parte del ricavato di ogni prodotto venduto è stato devoluto al sostegno delle iniziative di ricerca e formazione del Rodale Institute grazie alla collaborazione con 1% for the Planet.

Condividi: