Home Corsi Nuovi Master in moda e design: focus su tecnologia e sostenibilità

Nuovi Master in moda e design: focus su tecnologia e sostenibilità

pubblicato il:
formazione moda green
Foto da Pexels

Alla D-house Academy di Milano, a partire da gennaio 2023, i primi Master per formare i nuovi esperti in tecnologia e sostenibilità del settore moda e design.

Al via corsi di formazione nel settore moda e design: il 9 novembre l’open day alla D-house Academy. Dalle ore 10 alle 19, presso via Galileo Ferraris 1 a Milano, verranno presentati i Master in focus tecnologia e sostenibilità nel settore moda, arte e design.

La partecipazione all’evento è libera e non occorre alcuna prenotazione. La D-house Academy è l’accademia visionaria che mira a formare i professionisti del futuro nei campi di moda e design attraverso l’uso delle tecnologie.

Dalla termosaldatura ai ricami digitali, alla stampa in 3D, con particolare attenzione all’utilizzo di materiali responsabili e sostenibili, tra cui ad esempio quelli creati da processi di fermentazione fungina.

Rivolti a laureati nel settore fashion design, designer professionisti o aziende che intendono specializzarsi, i corsi prenderanno il via a partire da gennaio 2023.

Le iscrizioni online. La giornata avrà inizio alle ore 10 con visite e orientamenti.

Alle ore 15 sarà possibile effettuare una visita guidata ai laboratori, durante la quale gli esperti illustreranno le funzionalità pratiche e le qualità di ogni macchinario presente.

L’evento principale si svolgerà dalle 16 alle 19, con un workshop formato da talk di 20 minuti tenuti dai partner produttori di tecnologie e rappresentanti di mondi di materiali – che già aderiscono al progetto D-house.

Durante il workshop verranno presentati i programmi dei corsi formativi offerti dall’Accademia. Per partecipare al seminario è necessario registrarsi online. Al termine di quest’ultimo, sarà possibile seguire un tour presso gli spazi del laboratorio urbano.

Grazie all’ausilio di videoproiezioni e videomapping realizzati dai visual designer Fabio Volpi e Samuele Gazzonis, le aree del laboratorio saranno allestite con ambientazioni piuttosto suggestive.

I percorsi didattici proposti dall’Academy si dividono in tre format: Short Course, Professional Course e Master.

Il primo, costituito da 12 ore didattiche, è un corso di breve durata pensato per approfondire l’uso delle tecnologie innovative, utilizzare nuovi software o acquisire nuove metodologie di progettazione in tempi ristretti.

Il secondo, invece, viene suddiviso in 80 ore didattiche e ha l’obiettivo di fornire agli studenti competenze professionali in un settore specifico.

In particolare, il Professional Course pone particolare attenzione alla selezione di materiali sostenibili.

Infine, il Master è un corso di formazione annuale che intende offrire ai candidati una preparazione professionale completa, fornendo loro un chiaro sviluppo progettuale, metodologico e uso pratico della tecnologia.

Tre sono le principali tecnologie e le tematiche attorno a cui sono stati costruiti i percorsi didattici:

  • heat-Bonding Technology Solutions by Framis: termosaldatura, ovvero la tecnica di assemblaggio di due o più tessuti/materiali tramite termo-collanti o ultrasuoni che permette di sostituire cuciture (realizzato con la partecipazione diretta di Framis Italia)
  • Digital Embroidery 4.0 by Coloreel: ricamo digitale tramite tecnologie che permettono di utilizzare un solo filo che viene colorato durante il processo di applicazione, consentendo un minore spreco e la realizzazione di ricami con sfumature cromatiche prima d’ora non ottenibili (realizzato con la collaborazione di Coloreel)
  • Digital Manufacturing For 3D Fashion design by Stratasys: è realizzato con la collaborazione e diretta partecipazione di Stratasys, azienda leader nella produzione di stampanti 3D e prototipazione rapida

Tra gli ospiti Torbjörn Bäck – Coloreel, azienda svedese produttrice di tecnologie di colorazione istantanea del filato da ricamo digitale.

Birgit Gahlen – Woolmark, autorità globale della Lana Merino per un focus sul posizionamento della lana australiana come fibra premium più sostenibile al mondo.

Atteso l’intervento di Stefano Babbini – Mogu, azienda specializzata in prodotti a base di micelio, applicati nell’interior design e in nuovi tessuti ecosostenibili.

Per maggiori informazioni scrivere all’indirizzo e-mail dhouseacademy@dyloan.com.

Condividi: