Home Agricoltura 4.0 Beenergy: simbiosi tra energia pulita e biodiversità, attraverso le api

Beenergy: simbiosi tra energia pulita e biodiversità, attraverso le api

polizza per api
Foto da Pixabay

Le api – come bio-marker per monitorare la biodiversità – e l’utilizzo della tecnologia – per rilevare il loro stato di salute e quello del territorio – sono alla base di un nuovo progetto avviato da Genagricola 1851 e 3Bee.

Tutti gli impollinatori, tra cui le api da miele, sono il tassello fondamentale della catena della vita. Step necessari per generare un impatto reale sulla biodiversità del territorio sono quelli di garantire loro luoghi protetti e la presenza di essenze nettarifere per la generazione di pascolo.

L’idea che sta alla base di un nuovo progetto nell’ambito agrivoltaico è quella di coniugare la protezione della biodiversità con la produzione agricola e di energia rinnovabile grazie a tecnologie innovative basate sull’utilizzo di sensori in campo e analisi di mappe satellitari.

Stiamo parlando di Beenergy, un progetto realizzato in partnership da Genagricola 1851 – holding agricola controllata da Generali Italia – e 3Bee – agri-tech che opera nel settore della biodiversità – che si propongono di rigenerare un’area di 25 ettari e proteggere più di 10 milioni di impollinatori che visiteranno circa 10 miliardi di fiori, con una produzione annua di oltre 700 kg di miele, sostenibile e di qualità.

Gli impianti fotovoltaici di Genagricola 1851, monitorati dall’intelligenza artificiale dei sensori 3Bee diventano così rifugio per le api.

Le arnie dotate di sistemi di monitoraggio della salute delle api supporteranno le decisioni degli apicoltori con l’obiettivo di passare da un approccio di gestione dell’apiario tradizionale a una gestione basata sull’analisi dei dati per ottenere un decremento della moria delle colonie, con una riduzione dei costi e un aumento della produttività.

Il test pilota di Beenergy in Lazio

Un test pilota – da avviarsi nelle aziende di Genagricola 1851 presenti nel Lazio – darà il via alla partnership e verrà previsto l’utilizzo dei sensori 3Bee per il monitoraggio degli impollinatori selvatici.

Grazie ad algoritmi di intelligenza artificiale, i sensori resteranno in ascolto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, monitorando in modo completo lo stato di benessere degli impollinatori, preziose sentinelle della biodiversità sul territorio.

Durante la primavera del prossimo anno è prevista la piantumazione di un territorio di 25 ettari con piante dall’alto potere nettarifero e resistenti a condizioni climatiche avverse che diventeranno fonte di nettare per gli alveari (alimento base per lo sviluppo della colonia), promuoveranno la biodiversità e miglioreranno l’aspetto estetico dell’impianto.

Ogni ettaro così piantumato fornirà alle api più di 300 kg di nettare e assorbirà 2 tonnellate di CO2. In seguito verranno installati sui terreni adibiti a pascolo nettarifero 35 alveari che saranno monitorati per seguire costantemente lo stato di salute dell’alveare, diagnosticare preventivamente eventuali patologie e supportare gli apicoltori nel loro lavoro quotidiano.

MyPlant» Myplant & Garden - international Green Expo è la più importante manifestazione professionale dell'orto-florovivaismo, del paesaggio e del garden in Italia. Punto di riferimento del mercato italiano e protagonista di primo piano di quelli internazionali, la fiera è promotrice della cultura del verde, dell'economia circolare, della tutela ambientale e della progettazione green.
Condividi: