Home Agricoltura 4.0 Serre solari, simbiosi tra mondo agricolo e fonti rinnovabili

Serre solari, simbiosi tra mondo agricolo e fonti rinnovabili

pubblicato il:
agrivoltaico
Immagine da Depositphotos

Nelle serre fotovoltaiche, perfettamente compatibili con le pratiche agricole, celle e pannelli solari, se ben integrati con le coltivazioni, possono dare un concreto contributo alla riduzione dell’impatto della spesa energetica nell’economia agricola e di conseguenza una mano all’ambiente.

Quello delle serre fotovoltaiche – e in generale dell’agrivoltaico, cioè l’integrazione dei pannelli fotovoltaici nelle attività agricole – è un fenomeno in forte espansione che permette di migliorare i rendimenti energetici di un’azienda agricola e ridurre al contempo i consumi.

Il tema sta destando molto interesse sia per il mercato italiano che in generale per quello europeo e significativi risultano gli investimenti nello studio e nella ricerca di nuove soluzioni volte a migliorare le prestazioni degli impianti e a ottimizzare l’utilizzo delle superfici destinate all’installazione.

Le preoccupazioni ambientali e la necessità per gli agricoltori di contenere i costi – che incidono in modo elevato in particolare nel caso di serre riscaldate destinate alla coltivazione di prodotti nell’arco dell’intero anno – fanno si che vengano ideate e proposte soluzioni sempre più innovative.

Una di queste è arrivata dalla Svizzera. Si tratta di moduli solari ottimizzati, dunque studiati per tracciare il movimento del sole e resi compatibili con le culture al fine di rendere produzione agricola e produzione energetica il più possibile conciliabili.

È la startup Voltiris della Scuola Federale di Losanna (Epfl) a realizzarli – e di recente a installarli in due sistemi pilota nei cantoni Vallese e Grigioni – partendo dal fondamentale principio per cui le piante sopravvivono, crescono e si riproducono in presenza solo di alcune onde della luce solare, le restanti – inutilizzate – possono essere concentrate sulle celle fotovoltaiche per generare energia solare.

La startup ha così creato un sistema verticale efficiente in grado di tracciare il movimento del sole e utilizzare degli specifici filtri selettivi agganciati ai moduli: specchi con colorazione differente che lasciano passare le lunghezze d’onda utili alla crescita delle piante e contestualmente indirizzano le altre (verdi e vicino all’infrarosso) verso le celle fotovoltaiche che le convertono in energia.

Sono due le invenzioni brevettate che, come sottolineato dall’azienda, stanno alla base dell’unicità e del funzionamento della soluzione. Un sistema ottico che concentra efficacemente la luce solare e un dispositivo di tracciamento che permette di allungare del 40% i tempi di produzione dell’energia.

Innovazioni che permettono al sistema di ottenere rendimenti simili a quelli dei pannelli solari convenzionali ma con solo la metà delle onde luminose.

I test pilota hanno dimostrato che gli impianti potrebbero essere in grado di dimezzare le emissioni di CO2 delle serre, fornendo tra il 60% e il 100% del loro fabbisogno energetico a seconda del sistema di riscaldamento in uso.

Interessante in Italia risulta essere il case study di Oristano in Sardegna che vede impegnata Cr Technology Systems – azienda con sede operativa a Treviglio, Bergamo – nella realizzazione di serre fotovoltaiche per la prima coltivazione di zenzero in Italia e, in conseguenza alle sue caratteristiche, risulta conveniente realizzare una serra fotovoltaica per la sua alimentazione energetica.

Gli impianti, studiati e progettati su misura dall’azienda, garantiranno la fornitura di 2MVA per l’alimentazione dei sistemi di irrigazione e riscaldamento degli ambienti interni alla serra.

Si ricorda altresì la recente sperimentazione avviata in Puglia che si svilupperà nella realizzazione di soluzioni integrate per il settore dell’agrivoltaico.

Un progetto nato dalla collaborazione tra Artigianfer – azienda che progetta e costruisce serre industriali – Signify – realtà esperta di illuminazione – e Vespera Power – operatore nel mercato del solare.

Le serre fotovoltaiche avanzate che fanno parte della sperimentazione pugliese utilizzano sistemi di coltivazione idroponici e sono parzialmente dotate anche di pannelli fotovoltaici.

Crediti immagine: Depositphotos

MyPlant» Myplant & Garden - international Green Expo è la più importante manifestazione professionale dell'orto-florovivaismo, del paesaggio e del garden in Italia. Punto di riferimento del mercato italiano e protagonista di primo piano di quelli internazionali, la fiera è promotrice della cultura del verde, dell'economia circolare, della tutela ambientale e della progettazione green.
Condividi: